Cultura & Società Ultime Notizie

Tre anni di BASIS – uno sguardo al passato

19 Agosto 2022

author:

Tre anni di BASIS – uno sguardo al passato

Dalla fondazione dell’associazione BASIS Vinschgau Venosta nell’aprile 2019 sono successe molte cose. Non tutte erano previste, ma nonostante la pandemia e le sue restrizioni e preoccupazioni, il numero di membri, la portata e i risultati economici e culturali di BASIS a Silandro hanno registrato una crescita costante. Questo è stato ed è anche merito dell’energico impegno dei numerosi volontari, aiutanti e aziende partner, e soprattutto del consiglio di amministrazione composto dai sette membri fondatori – scrivono i responsabili del sodalizio in una nota.
Questo consiglio si presenta ora in una formazione parzialmente nuova dal giugno 2022. Mentre Katrin Gruber è stata eletta nuova presidente, Walter Gostner, Michael Holzer e Martin Nagl continuano a sostenere BASIS come sostenitori privati e aziende partner, ma sono stati sostituiti nelle loro funzioni di consiglio da Simon Tumler, Kurt Ratschiller e Michael Wunderer. Claudia Aimar, Hannes Götsch e Gerda Platzgummer sono stati confermati nella carica.
Cosa è successo nella Palazzina Servizi dell’ex Caserma Druso? Il successo più grande è stato probabilmente il successo delle trattative per il finanziamento da parte degli enti locali e regionali, che hanno permesso all’associazione di continuare a operare nonostante le condizioni sfavorevoli di Covid. Di conseguenza, il progetto originario dell’Unione Europea è stato trasformato in un’impresa indipendente con l’associazione come entità legale e i ruoli di datore di lavoro e affittuario della Palazzina Servizi sono stati assunti dal Comune di Silandro e la responsabilità e la gestione indipendente dal team di progetto.
Con BASIS di Silandro è stato possibile creare, per la prima volta in Alto Adige, un luogo in cui confluiscono l’economia circolare, la creatività, l’educazione informale e le culture di nicchia, che ora viene utilizzato come esempio da strutture interessate provenienti da vicino e da lontano. Da sottolineare l’inserimento in diverse reti internazionali di centri culturali ed economici, come la riattivazione del programma di Master “Conservazione concettuale” con l’Università Donau Universität Krems e il Politecnico di Zurigo ETH o l’implementazione dell’ACB (Alpine Changemaker Basecamp) con otto università e istituzioni internazionali. Un altro risultato da non sottovalutare è la creazione di uno spazio proworking, un “ufficio di paese”, che crea spazi di lavoro sicuri e di alta qualità nella regione e vicino a casa per gli abitanti della Val Venosta. Non solo i lavoratori autonomi possono svolgere le loro attività qui, ma anche diverse aziende e persino l’amministrazione provinciale altoatesina hanno già “trasferito” i dipendenti a BASIS. In questo modo si risparmiano risorse, si evita il traffico dei pendolari e si creano opportunità di networking; in questa veste, BASIS, in collaborazione con la sua attiva rete imprenditoriale, è anche il primo punto di approdo per iniziative Start-Up di ogni tipo.
Il settore culturale-creativo è stato ed è anche uno dei principali obiettivi dell’associazione; come punto di forza unico qui, naturalmente, il KASINO con il suo concetto di funzionamento sia come location che come studio di registrazione, con una delle migliori strutture tecniche nella regione alpina europea. Entrambe le funzioni sono state utilizzate al meglio da artisti locali e (inter)nazionali, nel rispetto delle normative vigenti, con riscontri sempre positivi. Ma non solo la gestione attiva degli eventi è parte di questo, anche il networking e la creazione di nuovi cicli economici tra le industrie creative e i settori economici tradizionalmente coltivati (ad esempio, l’artigianato, l’agricoltura) è ricercato e anche implementato con successo in diversi progetti. Da segnalare anche l’affitto temporaneo e la conversione della Palazzina Tagliamento in un laboratorio creativo con due dozzine di studi utilizzati con entusiasmo.
Infine, ma non per questo meno importante, negli ultimi tre anni BASIS si è dimostrato un promotore di uno sviluppo regionale ibrido: ai rimpatriati è stato e viene dato spazio e opportunità di sviluppo, sono state create ulteriori forme di vacanza e gruppi turistici (le cosiddette workations). BASIS si è trasformato da un progetto promettente a un punto fisso nella valle, agevolando e realizzando attivamente progetti economici, sociali, scientifici e creativi di ogni tipo per lo sviluppo regionale, ma anche per la valle stessa. E con il nuovo consiglio direttivo eletto, oltre 50 membri iscritti e 11 aziende partner, questo progetto viene realizzato al meglio delle nostre possibilità.
Chi vuole vedere di persona avrà l’opportunità di farlo il 10.09.22 nel corso dell’inaugurazione della Palazzina Servizi, ormai completata. A partire dalle ore 17:30 si festeggerà il successo della ristrutturazione, dalle ore 15 ci sará la possibilitá di visitare la Palazzina durante l’Open Day; in seguito, BASIS Vinschgau Venosta, insieme a Transart22, organizzerà un concerto con Brandt Brauer Frick di Wiesbaden e la costellazione live Drahthaus di Schlanders/Vienna e l’artista Electric Indigo. Inoltre, è possibile per gli interessati partecipare alla creazione dell’opera artistica “Collective Effort” di Ingrid Hora.

Foto, da sinistra a destra Gerda Platzgummer, Michael Holzer, Martin Nagl, Walter Gostner Claudia Aimar, Katrin Gruber e Hannes Götsch

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com