Cultura & Società Ultime Notizie

Ci stiamo dimenticando di Thomas Riss, grande ritrattista del Tirolo

1 Agosto 2022

Ci stiamo dimenticando di Thomas Riss, grande ritrattista del Tirolo

Foto, Theodor Christomannos in un ritratto di Thomas Riss

Thomas Riss, oggi quasi sconosciuto, è stato uno dei più celebri ritrattisti del Tirolo a cavallo tra l’Otto e Novecento. Nasce a Haslach presso Stams in Tirolo nel 1871 e muore a Innsbruck nel 1959.
Il giovane Thomas inizia la sua formazione a Cortina d’Ampezzo presso lo studio del pittore Anton Colli, dove si guadagna da vivere con la pirografia, una tecnica d’incisione allora molto in voga. Nel 1890 s’iscrive all’Accademia di Belle Arti di Monaco di Baviera, dove studia prima Johann Caspar Herterich e Ludwig von Löfftz, due grandi pittori allora molto affermati. Nell’anno accademico 1892/93 conosce Franz von Defregger dal quale apprende i segreti della composizione pittorica. Dopo tre anni di servizio militare viene a Merano a causa di una lunga malattia, durante la quale aderisce al Künstlerbund cittadino frequentato da pittori di fama. Qui si accosta ad artisti di stampo tradizionalista come Gustav Appelbaum di Berlino, Costantin Bauer di Trostberg e Eduard Euler di Düsseldorf. Nella città di cura più di un notabile chiederà di essere ritratto da lui.
Durante la Grande guerra combatte come bersagliere sulla Marmolada, dove viene impiegato come pittore di guerra. Nel 1926 si trasferisce a Mühlau, località che nel 1938 sarà integrata nel comune di Innsbruck, dove trascorre il resto della sua vita.
Thomas Riss ha prodotto una quantità enorme di ritratti e paesaggi costellati da soggetti tipicamente tirolesi, nonché una serie di dipinti a carattere religioso. Grazie al ritratto di una coppia di americani viene invitato ad esporre negli Stati Uniti, dove non solo riscuote un grande successo con il ritratto intitolato Il vecchio operaio – esposto presso la Fiera mondiale di Saint Louis nel 1904- ma viene anche decorato con la medaglia d’oro.
Grazie alla massiccia diffusione dei suoi ritratti dei bersaglieri cartoline postali, Riss diventa pittore famoso. In seguito all’occupazione dell’Austria da parte dei nazisti, Thomas Riss ritrae Hitler in veste di condottiero, circostanza che successivamente adombrerà il suo prestigio.
I lavori di Riss si possono ammirare presso il Palais Mamming Museum di Merano e il Tiroler Landesmuseum Ferdinandeum di Innsbruck.
In vita Thomas Riss è stato celebrato e talora messo a confronto con il suo maestro Defregger e persino con il grande artista Albin Egger-Lienz. Dopo la sua morte, però, è stato rapidamente dimenticato. Nonostante le molte onorificenze ricevute in vita, non possiamo escludere che questo grande pittore, più per sbadataggine che per convinzione, sia incorso in qualche défaillance politica che è tuttora causa di tanta indifferenza.

Giornalista pubblicista, scrittore.
Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com