Cultura e società Ultime Notizie

Truffe venditori “porta a porta”, attenzione

10 Maggio 2022

author:

Truffe venditori “porta a porta”, attenzione

Diversi cittadini si stanno rivolgendo ai nostri sportelli di Centro Tutela Consumatori Utemti per avere informazioni su proposte di commissione che vengono sottoposte e fatte sottoscrivere durante visite di venditori presso le loro abitazioni. Queste proposte, che sono dei veri e propri contratti, prevedono l’acquisto di articoli, per lo più casalinghi, da scegliere all’interno di un catalogo, a fronte del pagamento di tre-quattromila euro. Il primo contatto, così riferiscono i consumatori, avviene per telefono: quale regalo promozionale, così viene spiegato ai consumatori, un rappresentante passerà a casa per portare un buono sconto. Alla visita del rappresentante viene poi fatto firmare un foglio, che però risulta essere una “commissione”, e non un “buono”!
Si rischia di essere tratti in inganno, in quanto si parla sempre di “buono” (ma c’è anche chi riferisce che si è parlato di “assegni Covid-19”) per l’acquisto di prodotti da catalogo da poter effettuare nel corso di 3 anni – solo dopo la sottoscrizione ci si rende conto di essersi impegnati all’acquisto di articoli per la casa per importi anche molto importanti.
Il CTCU consiglia in generale di leggere attentamente qualsiasi modulo sul quale venga richiesto di apporre la firma, e senza demonizzare le vendite porta-porta, consiglia di ricordarsi sempre che i migliori acquisti si fanno scegliendo di testa propria e prendendosi il tempo per confrontare prezzi e prodotti. Detto questo, per recedere da questi contratti sottoscritti presso la propria abitazione, cosa si deve fare?
in ogni caso il consumatore ha a disposizione un periodo di quattordici giorni di calendario per recedere da un contratto negoziato fuori dei locali commerciali, senza dover fornire alcuna motivazione, dal momento in cui si è venuti in possesso della merce. Si deve sostenere solo il costo diretto della restituzione dei beni sempre entro gli stessi quattordici giorni, purché il professionista non abbia concordato di sostenerlo o abbia omesso di informare il consumatore che tale costo è a carico del consumatore.Tutti i consumatori che determinano che il termine dei 14 giorni, previsto per il recesso dal contratto, è già scaduto possono rivolgersi al Centro Tutela Consumatori Utenti.
Come esercitare questo diritto? Il consumatore comunica la sua decisione di recedere dal contratto al professionista utilizzando il modulo tipo di recesso consegnatoli dal professionista, oppure presentando una qualsiasi altra dichiarazione esplicita della sua decisione di recedere dal contratto anche scritta a mano. Il professionista può anche offrire al consumatore la possibilità di compilare e inviare elettronicamente il modulo di recesso o una qualsiasi altra dichiarazione esplicita sul sito web del professionista. In tali casi il professionista comunica senza indugio al consumatore una conferma di ricevimento, su un supporto durevole, del recesso esercitato. Attenzione: l’onere della prova incombe sul consumatore! Consigliamo quindi, in caso di dubbi di utilizzare comunque la vecchia e cara, raccomandata con ricevuta di ritorno.

Immagine. Attenzione alle truffe

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com