Cultura e società Ultime Notizie

Giornata del clero 2022: sacerdoti e diaconi su compiti e priorità

10 Maggio 2022

author:

Giornata del clero 2022: sacerdoti e diaconi su compiti e priorità

Per la prima volta dal 2019, una novantina tra sacerdoti e diaconi della Diocesi si sono incontrati per la cosiddetta Giornata del clero.
Il vescovo Ivo Muser ha introdotto la Giornata per invitare sacerdoti e diaconi della Diocesi a incontrarsi in un’atmosfera informale e discutere delle sfide per la Chies. L’appuntamento si è svolto ieri (9 maggio): una novantina tra sacerdoti e diaconi diocesani hanno partecipato all’incontro nel Centro pastorale assieme al Vescovo e al Vicario generale Eugen Runggaldier. “Il tempo della pandemia, con le sue restrizioni e sfide, ma anche con le iniziative spontanee di amore vissuto per il prossimo, ci ha fatto riflettere su ciò che conta veramente nella vita. Ora che la pandemia, si spera, è superata e possiamo pensare a un nuovo inizio, dobbiamo interrogarci sulle nostre priorità, su cosa deve essere incentivato, su cosa aiuta a vivere”, ha detto il vescovo al clero.
Per lo stesso Muser la Giornata del clero è stata ancora una volta una buona occasione di scambio di idee, prendendo come riferimento la visione di papa Francesco per il Sinodo mondiale dei vescovi attualmente in corso. “Tutti i battezzati – sottolinea Muser – sono in cammino con Gesù sulle orme del suo Vangelo. Dobbiamo ascoltarci a vicenda, come ci chiede il Papa.“
In tempi di carenza di sacerdoti, il loro ruolo nelle parrocchie e negli ambiti pastorali è più sfumato e allo stesso tempo più complesso. “Oggi un prete deve riunire in sé le competenze di manager e di assistente sociale. Ognuno deve trovare il suo ruolo e l’immagine del sacerdote non è più così chiaramente definita come un tempo. Ecco perché la Giornata del clero si è concentrata su quali debbano essere i compiti centrali dei sacerdoti e dei diaconi”, spiega il vicario Runggaldier.
Dalla discussione tra i partecipanti, condotta anche in piccoli gruppi, è emerso che il compito fondamentale resta l‘essere sacerdote, ruolo prevalente rispetto alle azioni concrete. “Le persone devono sentire che hanno a che fare con un pastore guidato dalla fede. In tempi di disorientamento, i sacerdoti e i diaconi con la loro competenza spirituale e socio-comunicativa possono dare sostegno ed essere un’áncora”, così riassume il vicario Runggaldier la valutazione dei sacerdoti. Sintetizzata in una frase, si può dire che una buona relazione con Dio e con le persone è la cosa più importante per essere un buon prete oggi.

Foto. Giornata del Clero

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com