Cultura & Società Ultime Notizie

Consumare meno e spesa ecologica

30 Aprile 2022

author:

Consumare meno e spesa ecologica

Il 2 maggio è la giornata dello spreco alimentare. Il World Wide Fund For Nature (WWF) ha proclamato simbolicamente questa giornata nel 2016 per evidenziare la portata critica e le conseguenze della gestione negligente del nostro cibo. In termini puramente matematici, tutto il cibo prodotto dall’inizio dell’anno fino al 2 maggio è prodotto per la pattumiera. Ecco quanto cibo sprechiamo, un terzo della domanda annuale.

Tuttavia, la maggior parte del cibo viene sprecato nelle case private. In tutto l’Alto Adige, ogni cittadino smaltisce ogni anno 27,5 kg di cibo inutilizzato. In una famiglia media in Italia, 0,529 kg pro-capite finiscono attualmente inutilizzati nella spazzatura ogni settimana. (www.iosprecomeno.it)

La Federazione Protezionisti Sudtirolesi, Bioland Südtirol e i gestori dei negozi biologici stanno attirando l’attenzione su questo enorme spreco di risorse. “Risorse preziose come l’acqua, l’energia e la terra sono consumate nella produzione, lavorazione e trasporto del cibo. Vengono rilasciati gas a effetto serra come la CO2 del tutto inutilmente se il cibo viene poi buttato via. La protezione del clima e la conservazione della biodiversità iniziano quindi sui nostri piatti”, sottolinea Madeleine Rohrer della Federazione.

Spesa ecologica

Il cibo è un “mezzo per vivere” e dovrebbe essere valorizzato come tale, dice Reinhard Verdorfer di Bioland Südtirol. C’è un enorme potenziale in un uso più efficiente del cibo. “Sappiamo, per esempio, dalla conversione degli hotel verso il cibo biologico e regionale, che la maggiore leva di risparmio viene dalla pianificazione e dall’uso efficiente di cibo e bevande. Buttare via meno è il modo più semplice per risparmiare denaro, e comprare cibo organico contribuisce alla protezione del clima e dell’ambiente”, dice il direttore di Bioland. 

Nel calcolo del prezzo dei prodotti biologici, sono inclusi i servizi ecologici dell’agricoltura, come il pascolo negli allevamenti, o la qualità di vita e l’allevamento adeguato alla specie degli animali nelle nostre fattorie. Nella produzione di frutta e verdura, i prezzi al consumo più alti possono essere usati per creare più biodiversità nelle fattorie. Tutto questo non è disponibile quando si acquistano prodotti industriali a basso costo, dice Verdorfer.

Hannes Desaler del negozio di alimenti biologici Naturalia e Theresia Mittersteiner di Biokistl Südtirol confermano la resistenza degli alimenti biologici in tempi di crisi: “L’industria alimentare convenzionale spesso persegue una politica dei prezzi molto aggressiva per guadagnare quote di mercato. La determinazione dei prezzi nella catena alimentare biologica è più orientata alle esigenze di coloro che sono coinvolti nella catena ed è quindi costruita in modo più resiliente e sicuro, anche per il consumatore”.

L’apprezzamento per il cibo è uno dei fondamenti dell’agricoltura biologica regionale. I prodotti costano a volte più dei prodotti industriali globali, ma sono meno soggetti all’inflazione in tempi di crisi. Così, la produzione regionale e biologica è la catena alimentare più resiliente e sicura che deve essere ampliata in futuro, secondo la Federazione Protezionisti Sudtirolesi, le imprese biologiche e Bioland all’unisono.

Foto, Hannes Desaler, Madeleine Rohrer e Reinhard Verdorfer

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com