Cultura & Società Ultime Notizie

Alcol sul posto di lavoro: la qualità del lavoro e le relazioni ne risentono

27 Aprile 2022

author:

Alcol sul posto di lavoro: la qualità del lavoro e le relazioni ne risentono

Il 28 aprile è la giornata mondiale per la sicurezza e la salute sul lavoro. L’associazione HANDS Onlus di Bolzano accompagna ogni anno 1.500 persone con problemi di alcol, farmaci e gioco d’azzardo.
L’alcol sul posto di lavoro è ancora un argomento tabù, spiega il dottor Walter Tomsu, direttore sanitario dell’associazione HANDS Onlus. Tutti sono ugualmente a rischio, dipendenti e superiori.
L’alcol sul posto di lavoro è un pericolo per la sicurezza. Anche piccole quantità portano a una diminuzione della concentrazione e delle prestazioni e rendono la coordinazione più difficile. Il rischio di incidenti aumenta, non solo quando si utilizzano veicoli o macchinari. La qualità del lavoro ne risente. Sempre più aziende riconoscono i rischi associati al consumo di alcol, dice il dottor Walter Tomsu. Molte aziende stanno facendo un lavoro di prevenzione e cercano il dialogo con i loro dipendenti. “I pazienti con alto rischio, che abusano o dipendono dall’alcol si sentono sempre più oppressi e rapidamente sopraffatti”, dice il direttore sanitario di HANDS. Alcuni di loro vanno su tutte le furie senza una ragione apparente e reagiscono in modo offensivo, anche verso i clienti. L’aspetto esteriore delle persone colpite cambia da trasandato a stravagante. Il rapporto con i colleghi e i superiori si deteriora per tutto il tempo. Dato che le persone con problemi di alcol si portano a casa anche la loro insoddisfazione, anche le relazioni familiari e di coppia di solito si deteriorano, spiega il dottor Walter Tomsu. Questo viene riportato al lavoro come in un circolo vizioso.
L’alcol è ancora una sostanza socialmente riconosciuta in Alto Adige ed è tollerata dalla popolazione. La maggior parte delle persone colpite entra quindi in contatto con la struttura HANDS in una fase tardiva. La loro età media è poco meno di 40 anni. “La maggior parte dei pazienti ci contatta solo quando il barile è già stracolmo”, sottolinea il direttore sanitario di HANDS. Per questo motivo, è importante che il primo contatto con HANDS sia semplice e accogliente, dice il direttore Bruno Marcato. HANDS è convenzionato con l’Azienda Sanitaria. L’accompagnamento è gratuito (senza impegnativa). In casi particolarmente delicati, è possibile anche una cura anonima, per esempio quando si tratta di persone che lavorano nel settore pubblico. I dati sono trattati secondo standard elevati, i clienti non devono temere alcuna fuga di notizie, rassicura Bruno Marcato. Per alcuni pazienti, è un sollievo quando capiscono che la dipendenza da alcol è una malattia e che non si tratta di cercare dei “colpevoli”. L’intervista iniziale avviene di solito entro una settimana dal contatto. È condotto da psicologi o medici. Segue una valutazione diagnostica e viene realizzato un programma di supporto multidisciplinare.
La metà delle persone assistite da HANDS ha più di 50 anni, e la fascia d’età più esposta è tra i 30 e i 50 anni. La durata di un trattamento medio è di solito da uno a due anni, per cui l’intensità del trattamento diminuisce dopo alcune settimane. Il trattamento dipende anche dallo stato di salute generale, da una certa stabilità psicologica e/o dalla situazione sociale della persona interessata.
L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) stima che circa il 9% della spesa sanitaria totale in Europa è dovuta all’abuso di bevande alcoliche.

Foto. Walter Tomsu, direttore sanitario di HANDS

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com