Cultura & Società Ultime Notizie

Sh.asus, studenti universitari sudtirolesi, Giornata internazionale della donna, molti ancora i dislivelli tra i generi

8 Marzo 2022

author:

Sh.asus, studenti universitari sudtirolesi, Giornata internazionale della donna, molti ancora i dislivelli tra i generi

Da più di 100 anni l’8 marzo ha rappresentato la lotta delle donne per parità di diritti a tutti i livelli. Questo giorno serve a richiamare ogni anno l’attenzione su circostanze che quotidianamente sono realtà per molte persone – come il sessismo, il patriarcato e le strutture eteronormative che caratterizzano la nostra società e la nostra vita quotidiana.
È importante ricordare in questa data i diritti, le conquiste e le opportunità che le donne hanno raggiunto e le persone che hanno contribuito a questo progresso. Tuttavia, se questo accade solo oggi, è tutt’altro che sufficiente. Perché ancora oggi c’è una grande discrepanza tra la retribuzione tra uomini e donne, nel clima di lavoro oppure nello svolgimento del lavoro domestico. Questo è particolarmente visibile nel contesto della pandemia, in cui sono particolarmente le donne* che si occupano del lavoro di cura e sono esposte a violenza sessuale e sono sistematicamente svantaggiate. Per questo, ogni giorno dovrebbe essere l’8 marzo per tutte le donne e la comunità LGBTQIA+ nella nostra società.
L’associazione universitaria sudtirolese (sh.asus) che ci invia questa nota, intende ringraziare tutti coloro che si battono sempre per i diritti delle donne e le questioni di genere! Perché solo insieme, in modo intersezionale e intergenerazionale possiamo cambiare l’immagine e i diritti delle donne a lungo termine e creare l’uguaglianza!
Perché l’impegno per l’uguaglianza dei diritti e contro le strutture obsolete che vanno di pari passo con l’attivismo contro il fascismo, il razzismo e il cambiamento climatico. Il cambiamento climatico non può essere superato senza la parità di diritti tra donne e uomini, e viceversa, aveva espresso l’ex segretario generale delle Nazioni Unite Ban Ki-Moon in un discorso al Forum Alpbach 2020. Perché le donne sono maggiormente colpite dalle conseguenze in confronto agli uomini. Ha anche spiegato che la metà della popolazione mondiale ha meno di 27 anni ed è di sesso femminile. È proprio per questo che è essenziale coinvolgere giovani donne in posizioni decisionali e di leadership politica e in posizioni politiche, e così facendo può portare a più visibilità, diversità ed equilibrio nel discorso politico.
“Per noi studentesse, in particolare, è fondamentale lottare insieme per l’uguaglianza dentro e fuori il contesto accademico, per continuare e difendere le idee e il lavoro che tante donne hanno sostenuto nel corso dei secoli”, sottolinea la vicepresidente di sh.asus, Ariane Benedikter.
Noi come sh.asus condanniamo il pregiudizio contro le donne e le persone LGBTQIA, il pensiero di classe e la discriminazione strutturale nella nostra società. In cambio, chiediamo opportunità giuste e uguali per le donne nel mercato del lavoro, compresa la stessa retribuzione per un lavoro di pari valore. L’uguaglianza dei diritti riproduttivi per tutte le persone, lo smantellamento degli stereotipi e quindi una migliore conciliazione tra famiglia e lavoro. Inoltre, più visibilità per le persone trans e nessuna tolleranza per la violenza contro le donne*.
La vicepresidente spiega inoltre: “Essere donna finalmente non deve più essere uno svantaggio! Sfondiamo le strutture arrugginite e non lasciamo che ci limitino!” Perché essere femministə non è una questione di sesso biologico. Questo non è vero solo l’8 marzo!

Foto. Ariane Benedikter, vicepresidente sh.asus

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com