Cultura & Società Ultime Notizie

“Fermarsi.Ricordare.Rialzarsi”

18 Marzo 2022

author:

“Fermarsi.Ricordare.Rialzarsi”

All’insegna del motto “Fermarsi.Ricordare.Rialzarsi”, due anni dopo i primi decessi causati dal Coronavirus, le residenze per anziani dell’Alto Adige commemorano con preghiere, messe e l’accensione di candele le vittime della pandemia.
“I momenti condivisi di ricordo dimostrano che nessuno viene dimenticato”, sottolinea Martina Ladurner, presidente dell’Associazione delle Residenze per Anziani dell’Alto Adige (ARpA). Con preghiere, messe e l’accensione di candele, i residenti delle strutture, il personale e i parenti commemorano le vittime della pandemia. “Questa commemorazione crea un momento di pausa e riflessione che può dare forza e conforto, soprattutto in questo periodo”, afferma Martina Ladurner. 
Un anno fa, in occasione della prima Giornata nazionale del ricordo delle vittime della pandemia sono stati piantati alberi in alcune residenze. Questi alberi prosperano e crescono e sono allo stesso tempo un ricordo e un memoriale per le vittime che sono morte durante questa pandemia. “Sono anche un segno che stiamo guardando al futuro e che tutta la nostra società deve crescere per affrontare le sfide”, sottolinea Ladurner.

Foto, Agnes Schöpfer della residenza per anziani di Brunico, accende una candela per le vittime della pandemia durante una messa commemorativa. Nella foto anche Padre Martin dei Padri Cappuccini e la collaboratrice Verena Steiner

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com