Esteri Ultime Notizie

All’ombra della guerra in Ucraina, ad Afrin si temono nuove violenze

15 Marzo 2022

author:

All’ombra della guerra in Ucraina, ad Afrin si temono nuove violenze

Nel quarto anniversario dell’occupazione della regione curda siriana settentrionale di Afrin, completata il 18 marzo 2018 in violazione del diritto internazionale, l’Associazione per i popoli minacciati (APM) avverte di nuovi attacchi della Turchia, membro della NATO, contro i suoi vicini. L’invasione di Putin in Ucraina rafforza l’importanza geopolitica della Turchia. Il dittatore Erdogan potrebbe sentirsi incoraggiato ad attaccare di nuovo le regioni curde nel nord della Siria. Erdogan potrebbe essere meno in grado di contare sull’aiuto di Putin in questo – ma all’interno della NATO ora può farla franca con qualsiasi cosa. E lui lo sa. Al contrario della guerra di aggressione di Putin, la Nato e i governi europei non hanno speso una sola parola per condannare la guerra di aggressione di Erdogan su Afrin. Questi doppi standard danneggiano e svalutano i valori occidentali.
Per questo motivo, l’APM mette in guardia la politica e i media dal minimizzare il dispotismo di Erdogan: Tutto quello che Putin sta facendo oggi, Erdogan lo sta facendo da anni, con l’appoggio o la tolleranza della Nato. Dovrebbe essere ostracizzato per questo proprio come lo è Putin, finché il suo governo non si sforza per un dialogo reale, pacifico e paritario con la popolazione curda in Turchia, in Siria e in Iraq. Le guerre contro l’etnia curda nel proprio paese, in Siria e in Iraq devono finire immediatamente. Il presidente turco deve smettere di sostenere i gruppi islamici radicali nel mondo. Il governo turco deve rispettare pienamente la libertà di riunione, la libertà di stampa e la libertà di espressione. Le decine di migliaia di persone che sono state imprigionate per le loro opinioni devono essere rilasciate immediatamente. Erdogan deve finalmente attuare tutte le decisioni della Corte europea dei diritti dell’uomo.
Nel frattempo, le notizie di violazioni dei diritti umani e di crimini di guerra commessi dalla Turchia ad Afrin continuano senza sosta. L’esercito turco e i suoi mercenari islamisti attaccano brutalmente le donne curde e i membri delle minoranze Yazidi, Alevi e cristiane. Quattro ragazze e donne sono state uccise dall’inizio dell’anno: Ezize Ibrahim (41), Semire Elwan (3), Fatme Elwan (9) e una donna il cui nome non è noto. Inoltre, dodici donne sono già state rapite dalle forze di occupazione o dagli islamisti siriani quest’anno. L’APM ha i nomi delle donne. Per quattro anni, le forze di occupazione turche e i mercenari loro alleati hanno sistematicamente commesso crimini come stupri, rapimenti, saccheggi, rapine e furti. 84 donne sono state deliberatamente assassinate. Almeno sei donne si sono suicidate dopo essere state stuprate. Molti membri delle minoranze hanno dovuto fuggire. L’ex comunità cristiana di Afrin, composta da 1.200 membri, non esiste più. L’ultimo armeno è stato espulso, così come i circa 350.000 curdi. Migliaia di persone sono state uccise o ferite. Scuole curde e l’unica università curda nella storia della Siria, cimiteri curdi, santuari yazidi e aleviti sono stati distrutti dalla Turchia e dai suoi islamisti siriani.

Foto, campo profughi nella regione di Shahba, nord di Aleppo, Siria del Nord/c-Kamal Sido / GfbV 2019

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com