Esteri Ultime Notizie

Il politologo di Innsbruck Gerhard Mangott e la sua comprensione della politica revisionista e della Grande Russia del presidente Putin

25 Febbraio 2022

author:

Il politologo di Innsbruck Gerhard Mangott e la sua comprensione della politica revisionista e della Grande Russia del presidente Putin

Su Rai-Südtirol, il professor Mangott ha potuto analizzare l’invasione russa dell’Ucraina. Nella sua presentazione, Mangott è stato autorizzato a ripetere incontrastato la favola russa del colpo di stato in Ucraina nel 2014. Mangott è d’accordo con le critiche russe dell’epoca, secondo le quali l’allora presidente filorusso Viktor Yanukovic fu deposto illegalmente dal Partito delle Regioni del Donbass pro-Cremlino. Secondo i leader russi, l’attuale costituzione è stata violata. La Russia ha ragione, ha scritto Mangott sul suo sito.
Su Rai-Südtirol, il professor Mangott ha parlato ancora una volta del colpo di stato di Maidan, proveniente direttamente dall’arsenale verbale del presidente Putin, un colpo di stato che viene descritto sui relativi social media (DE www.extremnews.com/berichte/zeitgeschichte/65921885408505f), da Russia Today (EN www.rt.com/russia/524034-america-destroy-democracy-ukraine/) e dai putiniani come un golpe fascista (DE https://de.rt.com/europa/87995-keine-nazis-in-ukraine-studie/). È deplorevole quando un politologo continua a scrivere su una tale “narrazione”.
Il corrotto e mafioso Yanukovic è fuggito dall’Ucraina dopo che sempre più manifestanti sono stati uccisi dalle forze speciali durante le proteste di Maidan (DE https://ukraineverstehen.de/?s=maidan). Dopo la sua precipitosa fuga in Russia, il parlamento eletto ha deposto il presidente fuggito e ha eletto un presidente ad interim. Di sicuro, l’iter programmato non è stato mantenuto. Per questo motivo, Putin ha negato la legittimità ai governi che sono seguiti; quindi questi sarebbero illegittimi. E quindi, in questa logica, l’invasione russa è in definitiva il ripristino della legge e dell’ordine?
Il professor Mangott ha anche detto su Rai Südtirol che nel periodo precedente ai colloqui e alle trattative, entrambe le parti non si sono mosse. In altre parole, Gerhard Mangott incolpa la NATO e gli USA per l’escalation. Il professor Mangott è senza dubbio l’autoproclamato interprete della Russia e ancora di più di Putin.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com