Cultura & Società Ultime Notizie

DAL 25 NOVEMBRE NATALINO BALASSO IN SCENA CON IL SUO RUZANTE NELLE STAGIONI DELLO STABILE DI BOLZANO

19 Novembre 2021

author:

DAL 25 NOVEMBRE NATALINO BALASSO IN SCENA CON IL SUO RUZANTE NELLE STAGIONI DELLO STABILE DI BOLZANO

Mentre le produzioni del Teatro Stabile “Tango Macondo. Il venditore di Metafore” di Giorgio Gallione con Paolo Fresu e Ugo Dighero e “Peachum. Un’opera da tre soldi” di Fausto Paravidino con Rocco Papaleo proseguono il loro tour nazionale, a Bolzano ci si prepara ad un altro debutto, previsto giovedì 25 novembre alle 20.30 (repliche fino al 28 novembre). Al Teatro Comunale si è giunti al momento cruciale delle prove di “Balasso fa Ruzante. Amori disperati in tempo di guerre”, spettacolo scritto da Natalino Balasso e interpretato assieme ad Andrea Collavino e Marta Cortellazzo Wiel. La regia è affidata a Marta Dalla Via, raffinata caratterista e profonda conoscitrice delle corde espressive di Balasso/ Ruzante, che dirige questo ensemble affiatato, tessendo i fili e i toni di questa commedia e calibra slancio comico con poetica drammatica. Le scene sono ideate da Roberto Di Fresco, i costumi da Sonia Marianni e il disegno  luci è affidato a Luca dé Martini di Valle Aperta. “Balasso fa Ruzante. Amori disperati in tempo di guerre” verrà presentato al Comunale di Bolzano giovedì 25 novembre e sabato 27 alle 20.30, venerdì 26 alle 19.00 e domenica 28 alle 16.00. I biglietti per lo spettacolo sono in vendita presso le Casse del Teatro Comunale (mart-ven 11-14 e 17-19 e sab 11-14). I biglietti singoli sono in vendita anche on-line sul sito teatro-bolzano.it e sulla App Teatro Stabile di Bolzano (iOs e Abdroid).

Balasso ha intrecciato una selezione di testi tratti dall’opera di Angelo Beolco, attore e commediografo padovano del Rinascimento, famoso per aver dato vita al personaggio di Ruzante, un contadino padovano ruspante, famelico e poltrone. L’universo evocato dalle opere di Ruzante –una vera e propria eccezione nella letteratura rinascimentale – è popolato da villani rudi ed elementari e improntato da un’esaltazione semiseria dell’energia grezza degli istinti. La forza delle commedie di Ruzante nasce dalla comicità vitale e allo stesso tempo amara che le pervade e dal dirompente realismo espressivo. «Nella sua riscrittura, Balasso ha reinventato la lingua di Ruzante che usava il dialetto pavano intriso di diversi linguaggi e portando in scena un gergo che mantiene senso e suono dell’originale» commenta Marta Dalla Via «Un neo-dialetto obliquo, abbondante e spassoso, che rende concrete tre figure toccanti: l’amico rivale Menato, Gnua donna sottoposta eppure dominante e lo stesso Ruzante. Un uomo contemporaneamente furbo e credulone, pavido eppure capace di uccidere, un eroe comico dentro il quale scorre qualcosa di primitivo che lo rende immortale».

Sabato 20 novembre alle 11.00 Balasso e Marta Dalla Via saranno gli ospiti del terzo incontro con il pubblico organizzato dallo Stabile di Bolzano al Waag Cafè, moderato da Massimiliano Boschi. L’appuntamento è organizzato in collaborazione con Alto Adige Innovazione e si colloca nell’ambito della rassegna “Vetrina Teatro”. I posti sono limitati, si consiglia prenotazione telefonica o per e-mail (info@waagcafe.eu) o via whatsapp (0471 347455).

Foto, Balasso fa Ruzante/c-Giacomo Gottardi

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com