Cronaca Ultime Notizie

Biolife, mangiare bene, abitare bene, vivere bene, si può? Si può

8 Novembre 2021

author:

Biolife, mangiare bene, abitare bene, vivere bene, si può? Si può

Duemilacinquecento prodotti biologici certificati e altrettante storie di produttori appassionati, cibi alternativi, cooking-show, degustazioni, sfilate di moda, workshop, mini case hi-tech. Questi gli ingredienti della mostra Biolife 2021 che ha messo al centro quattro temi di attualità: mangiare bene, abitare bene, vivere bene e fare del bene.

“Quest’anno abbiamo voluto ampliare settori importanti per la tematica green, come la moda, la cosmesi e l’arredamento che hanno attirato un target nuovo e per noi molto importante come quello dei giovani. L’obiettivo per il futuro è quello di coinvolgere sempre più realtà, dalle aziende alle associazioni, che condividano lo spirito di questa manifestazione e che ci aiutino a migliorare il mondo. Possiamo farlo solo andando tutti nella stessa, giusta direzione”, afferma Thomas Mur, Direttore di Fiera Bolzano.

Successo anche per il programma eventi che ha coinvolto grandi e piccini, spaziando tra creatività e (in)formazione. Tanti i partner coinvolti che hanno dato un contributo sostanziale alla buona riuscita della manifestazione, a partire dall’Azienda Sanitaria dell’Alto Adige, Bioland Alto Adige, Eurac Research, fino a Organizzazione per Un mondo solidale (OEW), Greenstyle Munich e molti altri.
Molto apprezzato, soprattutto dai giovani, anche il più grande Vintage Kilo Pop-up store d’Europa, ospitato nell’ambito di Biolife. “Io, tu, noi. Insieme per il bene!”: questo infine il motto che ha guidato 44 associazioni e organizzazioni del settore sociale e sanitario riunite in fiera per la sesta edizione. Molte le attività presentate per sensibilizzare il pubblico e rafforzare il network.
“Tornare a Biolife dopo due anni è stata un’esperienza molto bella, sia per me stessa che per i clienti che sono venuti a cercarmi – cosa che naturalmente mi ha fatto estremamente piacere. Questo significa che per molti questa manifestazione è un appuntamento fisso, dove poter reperire prodotti che non trovano altrove. Ho poi apprezzato molto che anche quest’anno non ci fosse la moquette per terra: assieme ai nuovi preallestiti in legno è stato sicuramente un plus”, afferma Sara Scolaro di AtelierNativa.
Altrettanto entusiasta Federico Luzzati di Karinú: “Siamo un’azienda nata da pochissimo e veniamo dal Principato di Andorra. È la prima volta che partecipiamo a Biolife e siamo venuti perché ci avevano parlato molto bene della qualità della clientela. Non possiamo che confermare questa affermazione e aggiungere che l’Alto Adige è un territorio che ci interessa molto, in quanto sempre attento alla tematica del biologico”.

Biolife, 2.500 abitatori alla Fiera Bolzano

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com