Politica Ultime Notizie

Alto Adige. Aumento IRAP, segnale sbagliato, secondo l’Unione Commercio Turismo e Servizi

27 Ottobre 2021

author:

Alto Adige. Aumento IRAP, segnale sbagliato, secondo l’Unione Commercio Turismo e Servizi

A partire dal 2022 l’aliquota dell’imposta regionale sulle attività produttive IRAP per le aziende crescerà dal 2,68 al 3,9 percento. Lo ha deliberato ieri martedì, 26 ottobre, la Giunta provinciale altoatesina. La Provincia andrà così a raccogliere oltre 60 milioni di imposte dalle aziende. Critiche e incomprensione sono espresse dall’Unione commercio turismo servizi Alto Adige.
“Che il bilancio provinciale andasse ripensato dopo la pandemia è comprensibile. Ma che a dover pagare sia sempre automaticamente l’economia, con l’innalzamento delle imposte e l’introduzione di nuovi oneri, non è accettabile”, sottolinea il presidente dell’Unione Philipp Moser.
„Nei mesi scorsi la Provincia ha fornito grande sostegno alle aziende, che in questo modo sono riuscite a mantenere la gran parte dei posti di lavoro. Ma ora, in questa fase delicata, non bisogna assolutamente invertire questo slancio. Deve invece essere fatto tutto il possibile affinché in questo periodo non sia dimenticata l’economia e la sua necessità di programmare il futuro. I primi segnali di ripresa economica non devono essere messi a rischio, ma devono invece essere sostenuti e incentivati, perché, dal punto di vista economico, la pandemia di Coronavirus è ben lontana dall’essere passata”, ribadisce Moser. In Alto Adige, inoltre, ci troviamo in una fase prolungata nella quale manca la forza lavoro e si cerca con urgenza nuovo personale qualificato. Ciò che serve ora è un rilancio del mercato del lavoro, con meno oneri a carico del costo del lavoro, e non un aumento delle imposte sull’occupazione.
Il presidente dell’Unione ripete quindi l’appello già rivolto a inizio ottobre alla Giunta provinciale: “Siamo nel momento peggiore per un innalzamento delle imposte. La politica dovrebbe prevedere uno stop a nuovi oneri almeno fino a fine 2023!”

Foto, Philipp Moser

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *