Cultura & Società Ultime Notizie

Il decanter per il vino: un accessorio intimidatorio, ma benefico

8 Settembre 2021

Il decanter per il vino: un accessorio intimidatorio, ma benefico

Non è mai facile riconoscere se decantare o meno un vino.

Ci sono due ragioni principali per decantare il vino. La prima è fisica: consiste nel separare il deposito da un vino che si è formato durante l’invecchiamento. La seconda è il contatto del vino con l’ossigeno, che libera i composti presenti in bottiglia. La decantazione agisce sulla percezione del gusto, della consistenza e degli aromi.

La separazione del vino dalle particelle sospese nella bottiglia è sempre stata la motivazione principale per la decantazione del vino.

Arieggiare il vino per far agire l’ossigeno è magico. Quando si versa il vino dalla bottiglia nel decanter, il vino entra in contatto con l’aria. Se l’obiettivo è “aprire” il vino, lasciarlo riposare dopo la decantazione può produrre una serie di reazioni.

Se si nota un aroma di uovo marcio o un fiammifero appena graffiato quando si apre  la bottiglia, di solito è un segno di idrogeno solforato. Da trenta minuti a un’ora di travaso possono aiutare a rimuovere questi composti permettendo di riassaggiare il vino per valutarne le altre qualità.

Le due principali cause di difetti nel vino sono l’anidride carbonica e l’acido solfidrico. Facilmente riconoscibile negli spumanti, l’anidride carbonica è presente anche nei vini fermi ai quali piccole dosi di questo gas frizzante e acido esaltano gli aromi di alcuni vini bianchi pur conferendo qualità di conservazione. Questo è uno dei motivi per cui non travasiamo spesso i vini bianchi. Ma nella maggior parte dei vini rossi fermi, la presenza di CO2 può accentuare i tannini nel vino e questo è generalmente considerato un difetto. L’esposizione all’ossigeno provoca una serie di reazioni nel vino, sia buone che cattive, molte delle quali possono richiedere ore (o addirittura giorni) per esprimersi pienamente. Ecco perché un vino si aprirà piacevolmente all’inizio prima di vedere i suoi aromi diminuire dopo un’esposizione troppo lunga all’aria.

Tutti i vini invecchiati devono essere travasati? I vini invecchiati impiegano più tempo a decantare? Contrariamente alla credenza popolare, la decantazione dei vini invecchiati è lungi dall’essere una regola assoluta. La Borgogna, ad esempio, è rinomata per la sua finezza e la questione della sua decantazione è spesso oggetto di accesi dibattiti tra gli specialisti. Tuttavia, le annate più vecchie di vini a base di nebbiolo come barolo e barbaresco, così come rioja e altri vini corposi, sono generalmente adatte alla decantazione. Se il gusto del vino è inizialmente promettente, la decantazione potrebbe non essere necessaria. Versare delicatamente il vino direttamente dalla bottiglia nel bicchiere. Se decidete comunque di decantarlo, utilizzate una caraffa a fondo stretto in modo da ridurre la superficie del vino a contatto con l’aria ed evitare di denaturarlo. Decantare non significa solo versare un vino in una bella bottiglia. Questo è un elegante accessorio che deve far parte di ogni appassionato di vino. Un accessorio che può aiutarci molto a valorizzare questa bevanda viva. Anche se ci sono effetti e reazioni che tutti conosciamo, sapere se una particolare bottiglia deve essere decantata o meno non è una scienza esatta. Tutto ciò che possiamo fare è assaggiarlo e chiederci se il processo renderà il vino ancora migliore. Alla salute!

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *