Cultura & Società Ultime Notizie

FAIRever coffee, campagna del caffè delle Botteghe del Mondo dell’Alto Adige e dell’OEW Organizzazione per un mondo solidale

9 Settembre 2021

author:

FAIRever coffee, campagna del caffè delle Botteghe del Mondo dell’Alto Adige e dell’OEW Organizzazione per un mondo solidale

Il mondo ama il caffè. Ogni giorno sulla terra si bevono circa 1,6 miliardi di tazze di caffè. Ma così come il caffè è presente nella nostra vita quotidiana, lo sono anche le lamentele nel business del caffè: queste includono fluttuazioni estreme dei prezzi, incertezza di pianificazione, bassi salari, fallimenti dei raccolti dovuti ai cambiamenti climatici, violazioni dei diritti umani e sfruttamento dei lavoratori. Con la campagna “fairever coffee”, le Botteghe del Mondo altoatesine e l’ OEW “Organizzazione per un mondo solidale” attireranno l’attenzione sulle difficili condizioni di produzione del caffè dal 9 settembre al 1° ottobre 2021. Mostreranno le alternative del commercio equo e solidale. La campagna comprenderà: un ampio reportage, una mostra sul caffè, un concorso nelle Botteghe del Mondo, delle foto di pause caffè di noti personaggi altoatesini, un podcast sul caffè e delle degustazioni di caffè in tutto il paese il 1° ottobre, la giornata mondiale del caffè. L’Associazione delle biblioteche dell’Alto Adige, netz, AGJD, gli anziani del KVW e il giornale di strada zebra. Sostengono la campagna con azioni e lavoro di informazione. La campagna è sostenuta finanziariamente dall’Ufficio per le relazioni esterne e il volontariato della Provincia dell’Alto Adige.

In termini di valore commerciale, il caffè è la seconda materia prima più importante al mondo del Sud globale dopo il petrolio greggio. Il caffè verde viene commercializzato sul mercato internazionale: New York è la sede della borsa del caffè per il caffè Arabica e Londra per il caffè Robusta. Le grandi compagnie di caffè comprano il loro caffè in anticipo per avere la sicurezza della pianificazione. Un terzo del caffè prodotto nel mondo proviene dal Brasile, un quarto dal Vietnam, seguito da Colombia, Indonesia ed Etiopia. In circa 50 paesi dei tropici, circa 125 milioni di persone vivono della coltivazione del caffè. L’agricoltura su piccola scala è di grande importanza: il 95% delle aree di caffè sono più piccole di 5 ettari e l’85% più piccole di 2 ettari.

Franziska Blaas, responsabile del consumo consapevole presso l’OEW a Bressanone, spiega: “Anche se i contadini produttori hanno il maggior lavoro nella catena del valore con la coltivazione del caffè, i loro guadagni sono appena sufficienti per sopravvivere.” I piccoli coltivatori ricevono in media solo il cinque per cento del prezzo al dettaglio del caffè prodotto e commercializzato in modo convenzionale. Con il caffè del commercio equo e solidale, invece, fino al 26% va ai produttori di una cooperativa e permette ai loro membri di produrre caffè in modo economicamente redditizio.

Brigitte Gritsch, coordinatrice delle Botteghe del Mondo dell’Alto Adige, sottolinea perché il prezioso chicco di caffè ha un retrogusto amaro: “La concentrazione del mercato porta sempre le grandi aziende ad esercitare una pressione sui prezzi dei piccoli produttori. Le piccole famiglie contadine che non sono membri di cooperative hanno una posizione negoziale debole. Sono indifesi di fronte alle richieste dei commercianti locali, poiché non hanno alternative e di solito non hanno accesso alle informazioni sul mercato e sui prezzi.

Molte famiglie non sono in grado di coprire le loro spese di base. L’Organizzazione Internazionale del Caffè stima che a causa del calo dei prezzi, il numero di bambini lavoratori nel settore è aumentato e molte persone stanno lasciando le zone di coltivazione in cerca di fonti di reddito alternative. I coltivatori sono anche sotto pressione a causa del cambiamento climatico, che probabilmente in futuro renderà impossibile coltivare il caffè nelle aree attualmente importanti per la coltivazione del caffè, mentre la coltivazione del caffè sta diventando più redditizia altrove. Quasi tutte le famiglie di piccoli coltivatori di caffè che vendono nel commercio convenzionale devono affrontare l’aumento del costo della vita, l’insicurezza alimentare, l’accesso inadeguato all’istruzione e all’assistenza sanitaria, l’emigrazione dei giovani, la comparsa di malattie e parassiti, l’accesso limitato all’acqua pulita e la perdita di biodiversità.

In termini di consumo di caffè in Europa, i Paesi Bassi sono in testa con 8,3 kg pro capite all’anno, seguiti dalla Finlandia con 7,8 kg, Svezia con 7,6 kg e Norvegia con 6,6 kg. La Germania è al 7° posto con 5,2 kg e l’Italia all’11° posto con un consumo annuo pro capite di 4,7 kg (Statista, 2020).

La situazione delle donne nella coltivazione del caffè non è sufficientemente studiata. Secondo le stime, le donne fanno fino al 70% del lavoro per mantenere le piantagioni e raccogliere il caffè. Tuttavia, possiedono in media solo il 27% delle piantagioni – ci sono grandi differenze tra i paesi di coltivazione.

Il Commercio Equo offre un’alternativa al commercio ingiusto e di sfruttamento sul mercato mondiale. Rafforza la posizione dei piccoli coltivatori di caffè sul mercato mondiale. Gli standard del Commercio Equo includono prezzi minimi e criteri ambientali, strutture democratiche e autodeterminazione. Il commercio equo e solidale dà agli agricoltori la possibilità di commercializzare il loro caffè in condizioni migliori e di migliorare le loro condizioni di vita e di lavoro. Il caffè del commercio equo e solidale può essere acquistato in Alto Adige nelle Botteghe del Mondo dell’Alto Adige o nel commercio convenzionale, riconoscibile dai sigilli del commercio equo e solidale.

Dal 9 settembre al 1° ottobre 2021, le 13 Botteghe del Mondo altoatesine e l’ OEW “Organizzazione per un mondo solidale” a Bressanone forniranno informazioni sulle condizioni di coltivazione dei piccoli agricoltori del Sud del mondo, sulle condizioni del mercato convenzionale, sulle alternative eque e sui certificati. La campagna, per la quale è stato sviluppato un logo speciale, è stata presentata giovedì 9 settembre in una conferenza stampa in Piazza della Parocchia a Bolzano insieme ai partner della campagna (Associazione bibliotecaria altoatesina, netz, AGJD, anziani del KVW e il giornale di strada zebra). Dal 9.9 al 1.10-2021, note personalità altoatesine presenteranno la loro pausa caffè equo con foto e dichiarazioni sui social media. Un podcast inforerà sulle condizioni di coltivazione, le vendite e il piacere del caffè. In un concorso nelle 13 Botteghe del Mondo altoatesine, i consumatori potranno vincere 13 forniture di caffè fino alla fine dell’anno. Nel numero di settembre del giornale di strada zebra. (media partner) è presente il coupon del premio e dà diritto a partecipare al concorso. Il 1° ottobre, giornata internazionale del caffè, il caffè del commercio equo e solidale sarà servito in molte biblioteche altoatesine, circoli giovanili, centri giovanili e circoli per anziani e in alcuni Botteghe del Mondo (il 1° ottobre è anche la giornata internazionale degli anziani). Una mostra sul caffè fornirà informazioni sulla produzione e la catena del valore. La campagna è sostenuta finanziariamente dall’Ufficio per le relazioni esterne e il volontariato della Provincia dell’Alto Adige.

Foto, da sinistra Marina Peter, Franziska Blaas, Karlheinz Malojer, Maria Kusstatscher, Brigitte Gritsch, Ujep Runggaldier, Angelika Pedron e Matthäus Kircher

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *