Cultura & Società Ultime Notizie

Alto Adige. Combattivi in una nuova stagione teatrale

24 Settembre 2021

author:

Alto Adige. Combattivi in una nuova stagione teatrale

I piccoli teatri altoatesini Carambolage di Bolzano, Stadttheater di Brunico, Theater in der Altstadt di Merano e Dekadenz di Bressanone presentano le loro produzioni per l’apertura della stagione, mostrandosi combattivi. Combattere per l’amore, per il potere, per la collaborazione, per un posto al tavolo politico sono i temi delle loro produzioni teatrali.

A Bolzano e Brunico, l’attenzione si concentra sulle relazioni di coppia.

Il Carambolage di Bolzano apre la stagione con un revival della commedia di successo “Die Niere”. Nell’estate 2020, lo spettacolo è già stato portato in scena a Soprabolzano come coproduzione con i Rittner Sommerspiele. La storia ruota intorno ai Kathrin, che ha bisogno di un nuovo rene. Suo marito Arnold ha lo stesso gruppo sanguigno, ma l’architetto di successo è riluttante e ha paura dell’operazione. A differenza di Arnold, il loro comune amico Götz accetta immediatamente di essere un donatore. Ma sia sua moglie Diana che Arnold si sentono messi da parte: dopo tutto, una donazione di organi è una questione intima! E così scoppia un vero e proprio combattimento tra galli per il rene. La commedia di Stefan Vögel colpisce i nervi delle relazioni di coppia di oggi. Margot Mayrhofer, Karin Verdorfer, Günther Götsch e Markus Oberrauch si esibiscono sul palco. Helga Maria Walcher è alla regia. Premiere il 08 ottobre.

Lo Stadttheater di Brunico apre con “Macbeth”, probabilmente la più famosa “cavalcata all’inferno” di Shakespeare. Nella sua sanguinosa parabola, l’autore si chiede quale male, quale brama di potere, quale irrazionalità ci sia in ognuno di noi. La nuova traduzione di John von Düffel diventa un’opera da camera quasi claustrofobica. Concentrandosi sui due personaggi principali, il pubblico è affascinato dal gioco di potere della coppia dei Macbeth. Nella sua produzione, Torsten Schilling giustappone inoltre i due protagonisti con le figure delle tre streghe dell’originale di Shakespeare ed espande l’opera con le potenti forme di espressione della danza moderna. Klaus Rohrmoser e Christine Lasta si esibiscono, Sabrina Fraternali, Rebecca Dirler e René Dalla Costa danzano. Premiere il 22 ottobre.

Merano e Bressanone: Lotta di classe nel passato, lotta di classe oggi.

Anche il Theater in der Altstadt di Merano ha iniziato con Shakespeare. Dopo le rappresentazioni di Riccardo III al KIMM, arriva ad ottobre la produzione di Phenomena “Ich war. Ich bin. Ich werde sein. Rosa Luxemburg“ con Sabine Ladurner, Brigitte Knapp e Johanna Porcheddu. Testo, regia e allestimento scenico sono di Magdalena Schwellensattl. Rosa Luxemburg, detta anche “Rosa rossa”, è passata alla storia come pioniera del movimento operaio europeo, come combattente per la libertà, come internazionalista, come pubblicista e infine come martire. Nel 150° anno della sua nascita, lo spettacolo racconta momenti cruciali della sua vita movimentata e ricorda i suoi grandi obiettivi politici: “Non c’è pace per la guerra e tutto il potere al popolo”. Premiere il 07 ottobre.

Il teatro Dekadenz di Bressanone apre con “Café Populaire”. Svenja, la protagonista, è una persona autoproclamatasi buona che di professione fa il clown negli ospizi. Tuttavia, non le è facile far passare il suo messaggio di bontà. Così tenta una seconda carriera come Youtuber. Purtroppo, Svenja ha solo 8 follower, 4 dei quali sono già morti. Al momento dell’apparizione più importante, “Il Don” si infila in lei, una specie di alter ego, uno spin-off malvagio di se stessa. Disprezza risolutamente tutto e tutti rifiutando ogni buonismo e intanto i clic aumentano. Che gioia finalmente! Veloce, divertente, irriverente – una commedia politicamente super-corretta! Diretto da Elke Hartmann, con Daniela Bjelobradié, Andreas Jähnert, Eva Kuen e Lukas Lobis. Premiere il 09 ottobre.

Il variegato programma dei piccolo teatri altoatesini spazia dal dramma reale alla satira sociale. La stagione è aperta!

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *