Cultura & Società Ultime Notizie

Al Festival Bolzano Danza proseguono i debutti

21 Luglio 2021

author:

Al Festival Bolzano Danza proseguono i debutti

Entrata nel vivo con il successo delle prime serate, la 37esima edizione del Festival Bolzano Danza prosegue il 22 luglio con due “prime”. Il coreografo tunisino, attivo in Francia, Radhouane El Meddeb propone in prima assoluta la sua originale versione della Morte del cigno intitolata Les cygnes sont morts! (Teatro Studio, due recite h. 19.30 + h. 20.15, biglietto € 5) mentre il Ballet national del Marseille presenta la prima nazionale della serata quadripartita che porta il nome delle quattro prestigiose firme che l’hanno ideata: l’americana Lucinda Childs, la portoghese Tânia Carvalho, la francese Lasseindra Ninja, e la nordirlandese Oona Doherty (Teatro Comunale, Sala Grande, 22 luglio h.21 biglietto € 22, riduzioni varie).
Venerdì 23 luglio, il coreografo spagnolo Jacob Gómez presenterà in prima assoluta la sua coreografia Meohadim.
Con Les Cygnes sont morts! Radunane El Meddeb crea uno struggente omaggio alle migliaia di donne e uomini e bambini annegati nel Mediterraneo. Creato appositamente per il Festival su invito del direttore artistico Emanuele Masi nell’ambito del progetto di riscrittura del celebre assolo di Mikhail Fokin per Anna Pavlova La morte del cigno, El Meddeb, sull’originale partitura di Camille Saint-Saëns a cui si aggiunge un soundscape elettronico danza per tutte quelle persone disperate che si imbarcano nel nostro mare alla ricerca di una vita migliore. Scrive il coreografo, anche interprete, nelle note al lavoro: “Io li vedo come dei cigni, degli uccelli bianchi che si distaccano dagli abissi e lottano per tenere alta la testa. Affrontano una morte indegna, spaventosa, crudele, una morte ingiusta che li colpisce di corsa quando si sono lasciati tutto alle spalle. I miei cigni, quelli che voglio danzare, lottano per mantenere la testa fuori dall’acqua, combattono a loro modo per la libertà e la dignità, lontani dagli slogan e dalle battaglie di strada sono impegnati in una guerra all’ultimo sangue. Danzo per loro, sento l’urgenza di render loro omaggio e celebrarli, coloro che sono stati inghiottiti dal mio Mediterraneo. I cigni, sono morti”.
Con un organico di 22 brillanti danzatori impegnati a interpretare cifre stilistiche differenti, il Ballet National de Marseille oggi è pronto a nuove sfide. Tra queste la commissione 2021 dei parigini Théâtre de la Ville e Théâtre du Chatelet a quattro artiste rappresentanti di quattro diversi stili e generi del contemporaneo: Childs Carvalho Lasseindra Doherty.
Un programma sfaccettato che mostra quattro visioni poetiche che spaziano nella storia nella danza di oggi tra Europa e USA: dalla figura cardine del postmodern americano Lucinda Childs alla pittorica artista portoghese Tânia Carvalho, all’icona queer del voguing francese Lasseindra Ninja alla rising star nordirlandese Oona Doherty, ultimo Leone d’Argento alla Biennale Danza di Venezia.
La logica compositiva basata sulla decostruzione del vocabolario classico, sulla ripetizione minimalista delle frasi coreografate e l’uso dello spazio scenico con continui attraversamenti dinamici caratterizzano il lavoro di Lucinda Childs sin dagli anni Settanta. Il suo Tempo Vicino, che apre la serata, è un brano nato proprio per il Ballet de Marseille dodici anni fa ripreso ora dalla coreografa con un nuovo cast di danzatori. Una meraviglia di motivi rigorosi e percorsi geometrici su Son of Chamber Symphony di John Adams, partitura nella quale si affastellano ritmi sincopati jazz e bagliori sonori che trasmettono forza anche alla danza.Segue One of Four Periods in Time di Tânia Carvalho, coreografa e musicista, danzatrice e pittrice portoghese le cui creazioni si avventurano in luoghi ombrosi, spesso sospese tra espressionismo e citazioni cinematografiche. La sua arte è una cosmogonia misteriosa dove la cura linguistica e semantica è totale. Qui, su una colonna sonora di Vasco Mendonça, Carvalho costruisce un’intrigante partitura dove la gestualità si blocca e si immobilizza in pose pittoriche.Trasporta, invece, in atmosfere da ballroom la creazione di Lasseindra Ninja Mood, primo lavoro della regina del voguing francese per una compagnia di danzatori ‘classici’. La sua creazione non riproduce le battle caratteristiche del voguing, bensì cerca una dimensione di gruppo integrando il vocabolario di pose tipiche in un discorso più ampio con i ballerini in tute scintillanti che diventano nella seconda parte abiti rosa shocking stile bondage per atmosfere inequivocabilmente ‘notturne’. Il tutto avvolto dal ritmo insistente di Maboko Na Ndouzou di Boddhi Satva.Chiude Oona Doherty con Lazarus, estensione e riscrittura per tutta la compagnia del suo assolo The Ascension into Lazarus. Rapidi cambiamenti di posizione, emozionanti spostamenti lasciano intravedere il singolo nel gruppo, che si muove compatto, deciso e forse speranzoso di una ‘resurrezione’.
Tra le promesse della nuova scena spagnola, Jacob Gómez è stato segnalato in diversi concorsi coreografici. Nel 2019 a Barcellona con il primo studio di breve durata di Meohadim ha ottenuto il premio del pubblico al Concorso dell’Institut del Teatre catalano; a Padova la giuria del Premio Prospettiva Danza ha segnalato il suo talento. Venerdì 23 luglio ore 21.00, per Bolzano Danza, Meohadim prenderà forma ‘a serata’: un lavoro nato dall’esigenza del coreografo di raccontare la propria esperienza con le sue cinque sorelle. Un racconto che muove dalla biografia per esplorare come pur nella stessa condizione sociale ed educativa possano derivare modi diversi di intendere la vita. Una distanza e una peculiarità che Gómez ritrae in questo pezzo dove danza, movimento, canto e recitazione si incontrano sostenuti dalla musica originale di Sergio Gassmann. Cinque donne che trasmettono al pubblico le loro esperienze. Occhi che parlano, che spiegano, che osservano.

Foto, Ballet National de Marseille One Of Four Periods In Time/c-Théo Giacometti

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *