Politica Ultime Notizie

Bolzano manca di strategia lungimirante, lamenta il consigliere Roberto Zanin

23 Giugno 2021

Bolzano manca di strategia lungimirante, lamenta il consigliere Roberto Zanin

Lo scorso 4 ottobre a Bolzano ha avuto luogo il ballottaggio per l’elezione diretta del sindaco quando i cittadini del capoluogo aventi diritto di voto si sono trovati di fronte alla scelta di due nomi, quelli di Renzo Caramaschi e di Roberto Zanin. Come sappiamo Caramaschi è stato confermato sindaco del capoluogo, mentre Roberto Zanin oggi è l’anima del gruppo d’opposizione Oltre – Weiter, guidato da Gabriele Giovannetti, il gruppo più corposo formato da ben otto consiglieri. Oltre a Roberto Zanin e Gabriele Giovannetti ne fanno parte Claudio Della Ratta, che è vice- capogruppo, Barbara Pegoraro, Luigi Nevola, Mirche Hristov, Gabriele Repetto e Walter Seppi.
È notizia di qualche settimana fa l’adesione di Roberto Zanin a Coraggio Italia, la nuova formazione politica di orientamento liberale guidata dal sindaco di Venezia Luigi Brugnaro. Ciò non significa affatto che il gruppo consiliare bolzanino Oltre – Weiter non esista più – chiarisce Roberto Zanin, il quale puntualizza che Coraggio Italia fungerà da fondamentale riferimento nazionale. Luigi Brugnaro è un civico, un imprenditore molto capace, ma anche un sindaco di altissimo livello. Inoltre, ha un pregio importantissimo, di non essere impregnato di ideologia, come non lo sono io.
Secondo Zanin a Bolzano le scelte politiche troppo spesso si fanno non in funzione di un sano pragmatismo, ma seguendo dettami ideologici. Bisogna essere capaci di discutere dei problemi reali della città con un dibattito franco senza preclusioni. Quando si tratta di votare non ne faccio una questione di colore politico, ma di sostanza. Sono convinto che molti punti programmatici presentati dal mio gruppo in campagna elettorale possano essere condivisibili anche da diversi consiglieri della maggioranza in Consiglio comunale.
In sostanza Roberto Zanin ritiene che non ci si possa soffermare su pochi dettagli e interventi legati a piccoli o grandi gruppi di potere e di prestigio, ma che bisogna finalmente sviluppare un progetto strategico concreto volto alla fisionomia che Bolzano dovrà avere fra 5 o 10 anni.

Giornalista pubblicista, scrittore.
Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *