Cultura & Società Politica Ultime Notizie

Fidarsi è bene, ma non di tutti

7 Maggio 2021

author:

Fidarsi è bene, ma non di tutti

Al via a Bolzano una campagna di prevenzione e sensibilizzazione per il contrasto delle truffe agli anziani. Il progetto “Fidarsi è bene, ma non di tutti”, è il frutto di un protocollo d’intesa siglato dal Comune capoluogo con il Commissariato del Governo e finanziato direttamente dal Ministero dell’Interno attraverso il “Fondo per la sicurezza urbana”. Una serie articolata di misure ed interventi rivolti agli oltre 25.000 residenti over 65 del capoluogo (il 23,6% della popolazione complessiva). Stamane l’iniziativa è stata presentata dall’Assessore comunale alle Politiche Sociali Juri Andriollo alla presenza del comandante della Polizia Municipale Sergio Ronchetti e del Vice Questore Giuseppe Tricarico. 
“Le truffe – ha detto l’Assessore Andriollo – continuano a rappresentare fonte di allarme sociale e assumono caratteristiche multiformi e sono sempre più sofisticate. Si tratta di reati odiosi, soprattutto se commessi ai danni degli anziani.  Ecco dunque che  la prevenzione rappresenta l’unica arma efficace per difendersi: per questo è importante per tutti e in particolar modo per le persone anziane imparare a riconoscere il pericolo e sapere come comportarsi per non cadere nel raggiro. E’ compito fondamentale dell’Amministrazione comunale sostenere i propri cittadini, soprattutto quelli più fragili” .
Tra le varie iniziative della campagna anche una brochure informativa stampata in 15.000 copie, sulle truffe più ricorrenti e gli strumenti per riconoscerle, prevenirle e contrastarle. In programma anche numerosi incontri tra anziani e agenti della polizia locale e personale dei servizi sociali che si svolgeranno, nel rispetto delle ordinanze Covid, nei luoghi di aggregazione, nei mercati rionali, nelle piazze e nelle sedi di circoscrizione.

Il Comune di Bolzano ha inoltre approntato, in collaborazione con ASSB, un servizio telefonico dedicato. Un educatore formato e preparato su queste e altre tematiche – ha spiegato Licia Manzardo funzionario responsabile dell’Azienda Servizi Sociali – risponderà al numero telefonico 0471 16 26 266 dal lunedì al venerdì, fornendo ogni informazione utile contro le truffe e per raccogliere le richieste di sostegno sociale che arriveranno direttamente dagli anziani o da familiari, amici o conoscenti.
“Non si tratta di un numero di emergenza. Per le emergenze l’invito è sempre e comunque di contattare le Forze dell’Ordine al 112” così il Vice Questore Giuseppe Tricarico.
Il progetto “Fidarsi è bene, ma non di tutti” prevede anche l’adozione di misure di prossimità, con gli agenti della Polizia Municipale, presenti sul territorio con compiti di vigilanza di quartiere. “Infatti, i nostri operatori sono stati adeguatamente formati anche per svolgere una presenza di vicinanza, presidiando luoghi particolarmente frequentati da anziani, al fine di instaurare un clima di fiducia e di sicurezza” ha precisato il Comandante della Polizia Municipale Sergio Ronchetti.

Nel progetto coinvolti anche l’ANACI, attraverso l’affissione nei condomini di manifesti informativi sulle truffe agli anziani; l’IPES con riferimento agli edifici di sua proprietà e il coinvolgimento dei fiduciari, nonché alcuni Istituti di credito cittadini (Banca Popolare, Raiffeisen e Cassa di Risparmio) attraverso un’azione di sensibilizzazione coordinata che avrà luogo nell’autunno di quest’anno.
“Un grande sforzo organizzativo per l’amministrazione comunale nella convinzione che si debba rafforzare la tutela dei nostri cari, delle persone più fragili e per non dimenticare che anche in questo periodo questi progetti rappresentano una priorità nell’azione dell’Assessorato alle Politiche sociali.

Foto, Presentazione dell’iniziativa

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *