Politica Ultime Notizie

VALUTARE RIAPERTURA NIDI ANCHE IN REGIONI ROSSE

18 Marzo 2021

author:

VALUTARE RIAPERTURA NIDI ANCHE IN REGIONI ROSSE

“Si stanno rivelando insufficienti le misure per i genitori introdotte con l’ultimo decreto con le nuove restrizioni per il contrasto al Covid. 
Per questo mi auguro che, a cominciare dal decreto sostegno, la cui approvazione è prevista per domani, ci sia un loro rafforzamento. Per via del passaggio di molte regioni alla zona rossa e la conseguente chiusura degli asili nido e delle scuole dell’infanzia, soprattutto i genitori di bambini piccoli sono in grossa difficoltà.
Innanzitutto va consolidato il bonus baby-sitter. Con 100 euro alla settimana si pagano al massimo 10 ore di baby-sitter, che sono 2 ore al giorno, quando in una città come Roma ci vuole almeno un’ora soltanto per recarsi sul posto di lavoro. 
È poi fondamentale che il contributo vada esteso ai genitori in smart working, perché è praticamente impossibile conciliare lavoro e attenzione ai figli, soprattutto se questi sono molto piccoli. 
La soluzione migliore sarebbe consentire l’apertura degli asili nido anche nelle regioni rosse. 
Proprio ieri il Ministro dell’Istruzione ha ricordato che quasi la metà degli insegnanti sono stati vaccinati. Inoltre si tratta di nuclei piccoli, quindi con i margini maggiori di sicurezza dell’intero panorama educativo. 
Senza dimenticarsi della condizione in cui, con il passaggio di molte regioni in zona rossa, sono precipitati gli asili nido gestiti dai privati, che rappresentano quasi la metà dell’offerta nazionale. 
Le famiglie e in particolare le madri hanno un carico letteralmente insostenibile, a meno che non optino per il congedo parentale, con la perdita di gran parte dello stipendio o rinuncino del tutto al lavoro. Si mettano in campo strumenti reali di supporto ai genitori lavoratori con figli piccoli, perché quelli di adesso non sono adeguati.” 
Così in una nota la senatrice della SVP e presidente del Gruppo per le Autonomie, Julia Unterberger. 

Foto, Julia Unterberger

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *