Esteri Ultime Notizie

Centri di isolamento per Coronavirus, indigeni in Argentina in quarantena forzata

8 Marzo 2021

author:

Centri di isolamento per Coronavirus, indigeni in Argentina in quarantena forzata

Nella provincia argentina di Formosa, al confine con il Paraguay, gli indigeni sono tenuti contro la loro volontà in centri di isolamento. Questo è quanto viene documentato nel rapporto “Nos pronunciamos y proponemos”, (Ci dichiariamo e proponiamo), che ha raggiunto l’Associazione per i Popoli Minacciati (APM) alcuni giorni fa. Alla ricerca di persone infettate da Coronavirus, forze di polizia sono entrate nelle comunità indigene e vi hanno prelevato delle persone. Solo dopo una lunga ricerca i loro parenti hanno potuto scoprire che erano stati portati in centri di isolamento.

Secondo il rapporto, le persone in questi centri erano alloggiate in gruppi di 20-30 con bagni in comune e senza sufficiente protezione contro il contagio tra di loro. Le strutture sono sorvegliate dalle forze di polizia. Alle persone ospitate è stato proibito di lasciare i centri. Le vittime di questa discutibile procedura denunciano percosse e trattamenti umilianti da parte della polizia. Alcune donne riportano attacchi di panico, tachicardia e depressione. Molti bambini, compresi i neonati, sono stati separati dalle loro madri e collocati presso parenti o vicini.

Alle persone costrette in questo centro non è stato detto quando sarebbero state rilasciate. Se durante l’isolamento veniva accertato un caso positivo, il periodo di quarantena di tutti si estendeva per altri 14 giorni. Alcune persone colpite hanno dovuto rimanere in questi centri fino a 30 giorni. I parenti hanno riferito di non avere informazioni su dove si trovino i loro parenti. Fino ad oggi non si sa nulla di dove si trovino 19 persone. Le loro famiglie non sanno cosa sia successo loro. Il rapporto è stato preparato con il sostegno dell’Associazione per la Promozione della Cultura e dello Sviluppo (APCD), la Diocesi per gli Affari Indigeni (EDIPA), il comune di María de la Merced, la Fondazione Manos de Hermanos e il Centro di Quartiere Enrique Angelelli.

Più di 20.000 indigeni Wichí vivono nella provincia di Formosa, al confine con il Paraguay. Solo 100 anni fa, abitavano i loro territori, come i popoli indigeni dei Nivaclé, Qom e Pilagá. Oggi, questi territori si sono ridotti al 4,6% della loro area originale. Al più tardi dall’inizio del millennio, le grandi imprese agricole hanno annesso i territori. L’ambiente e la biodiversità stanno soffrendo: Formosa è una delle province argentine più colpite dalla deforestazione.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *