Politica Ultime Notizie

Successo per l’Alpeuregio Brussels School, Gentiloni fra i docenti

28 Febbraio 2021

author:

Successo per l’Alpeuregio Brussels School, Gentiloni fra i docenti

A febbraio si è conclusa l’ultima edizione dell’Alpeuregio Brussels School, tradizionale iniziativa formativa della Rappresentanza comune della Regione Europea a Bruxelles per studenti universitari. Istituita 10 anni or sono e ora ridenominata in modo più moderno e internazionale, l’edizione di quest’anno ha ottenuto risultati più che positivi. L’iniziativa formativa, originariamente denominata Alpeuregio Summer School, avrebbe dovuto svolgersi a Bruxelles durante l’estate per una decina di giornate. Tuttavia, le molte incertezze causate dalla pandemia hanno reso necessaria l’elaborazione, in tempi ristretti, di una modalità alternativa per riuscire a porre in campo con successo una nuova formula: la Alpeuregio Brussels School. Grazie alla pronta ed efficiente collaborazione tra le Università di Innsbruck, Bolzano e Trento e la rappresentanza comune della Regione Europea Tirolo-Alto Adige/Südtirol-Trentino a Bruxelles, il team organizzativo è riuscito nell’intento di porre in essere, in poche settimane e prima dell’inizio del semestre invernale 2020/21, una proposta di corso inclusivo, ricco nelle tematiche e completamente virtuale. Si è così dato vita al corso interdisciplinare dedicato ai “Leaders and Agenda-Setters in the European Union”, a beneficio di studenti universitari provenienti da diversi percorsi formativi.
Oltre 30 studenti della Regione Europea hanno avuto l’opportunità di conoscere i processi politici centrali a livello europeo e vari ambiti tematici, nonché di entrare in rapporto diretto con i decisori delle più importanti istituzioni dell’UE, ma anche con i gruppi di interesse e i media. Oltre ai Commissari europei Johannes Hahn e Paolo Gentiloni, la rappresentanza comune è riuscita ad attirare relatori di alto livello e di forte interesse per l’Alpeuregio Brussels School. “È straordinario che i due Commissari abbiano trovato il tempo per dialogare con i nostri studenti delle politiche dell’UE” ha detto Simon Lochamm, direttore dell’ufficio del Tirolo a Bruxelles. Oltre alle personalità politiche, tra cui i membri del Parlamento europeo Barbara Thaler e Herbert Dorfmann, l’incontro settimanale con rappresentanti di alto livello delle Istituzioni dell’UE ha offerto approfondimenti particolari anche sul lavoro dietro le quinte dell’UE.
Oltre a numerosi rappresentanti di rilievo dei servizi della Commissione europea, come il direttore generale per l’agricoltura e lo sviluppo rurale Wolfgang Burtscher, la vice direttrice generale per l’ambiente Joanna Drake, la direttrice per i trasporti Elisabeth Werner, o il direttore per la crescita intelligente e sostenibile e l’implementazione del programma Nicola De Michelis sono stati ospiti dell’iniziativa anche esponenti di spicco di lobbisti che hanno potuto fornire un diverso spaccato sulla complessa rete di attività di Bruxelles. Completavano lo sguardo oltre la Bruxelles istituzionale i capo redazione della ORF, Peter Fritz, e della RAI, Donato Bendicenti, che hanno riferito sulle sfide attuali che stanno sensibilmente cambiando anche il lavoro dei media. Allo stesso modo, l’ex capo di gabinetto del presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker e attuale capo della rappresentanza della Commissione europea in Austria Martin Selmayr, ha fornito interessanti spunti sul ruolo dell’Unione europea sulla scena mondiale e sui complessi meccanismi decisionali che riguardano la vita quotidiana di tutti i cittadini dell’Unione.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *