Cultura & Società Ultime Notizie

Il Filmclub di Bolzano dà avvio a un’offerta cinematografica online

9 Febbraio 2021

author:

Il Filmclub di Bolzano dà avvio a un’offerta cinematografica online

Da tempo a causa delle limitazioni imposte è venuta meno la possibilità di poter proiettare sul grande schermo e, visto il perdurare della situazione di crisi, il Filmclub, cercando sinergie, è riuscito a sviluppare un progetto che impiega e valorizza le risorse locali. Il Filmclub, la scuola ZeLIG, attiva con successo da decenni sul territorio, e il Bolzano Film Festival Bozen, derivazione del Filmclub, hanno avviato una collaborazione. Ciò ha dato vita a una rassegna cinematografica online che avrà inizio giovedì 11 febbraio. Si tratta di una selezione di otto titoli, seguiti da un dialogo sul film. Il tutta sarà visibile sulla homepage del Filmclub con cadenza settimanale.

La rassegna di film online dall’11.02.

Le produzioni sono internazionali e hanno radici altoatesine. Sono state concepite e finalizzate in Alto Adige da giovani di tutto il mondo.

Questi documentari della scuola ZeLIG meriterebbero una visione sul grande schermo, ma ciò non è attualmente possibile. Da qui la proiezione online. I film saranno in lingua tedesca, italiana, inglese e non solo. Un’offerta plurilingue destinata al pubblico locale.

I Talks

dialoghi con gli autori e le autrici dei film, condotti appositamente per questa iniziativa, offriranno l’opportunità di conoscere l’evoluzione della loro vita professionale e di approfondire i temi affrontati nei documentari. I talks tratteranno anche dell’economia del settore audiovisivo e di come l’Alto Adige sia cambiato nel corso degli ultimi decenni.

La produzione più datata è del 1997, dunque, molti materiali posso considerarsi oggi preziosi documenti. Ma ci sono anche film recenti come “Until We Return”, che ruota attorno a temi di grande attualità, che al tempo delle riprese difficilmente si sarebbero potuti prevedere: isolamento, solitudine, ma anche fiducia.

Le risorse

Il lavoro culturale, come qualsiasi altro lavoro, deve essere riconosciuto e remunerato. L’attuazione dell’iniziativa, considerata la complessità del momento, non è stata semplice. Data l’esiguità delle risorse per la cultura, compresa quella cinematografica, la realizzazione della rassegna è stata resa possibile grazie alla cooperazione e al contributo del volontariato. Per questo ringraziamo, oltre ai partner del progetto, in special modo tutti coloro che hanno messo a disposizione gratuitamente la loro professionalità e il loro tempo.

Film e Filmtalks

Il primo film in programma sarà “Until We Return”, uno di quei film da vedere, che non ha avuto una vita nelle sale cinematografiche a causa della pandemia.

“Until We Return” (2019) 58 min., regia di Martin Telser. Talk: Angelika König con Martin Telser, online dall’11.02.

Sull’isola di Canna, a due ore dalla costa nord-ovest della Scozia, vivono ancora sedici persone. Le loro vite sono segnate da una natura magnifica, da un clima rigido e da una solitudine condivisa. Gli isolani si raccontano.

“La vita e altri cantieri/Das Leben und andere Baustellen” (2007) 37 min., regia di Giuseppe Schettino. Talk: Brigitte Hofer con Giuseppe Schettino, online dal 18.02.

Il film, narrando della famiglia Sinti Gabrielli di Bolzano, rivela il modo di vivere, ma anche i conflitti generazionali di un popolo minacciato.

“Ape Maria” (2004) 28 min., regia di Greta Mentzel. Talk: Xaver Hauss con Greta Mentzel, online dal 25.02.

Per due sedicenni altoatesini di Nova Levante, il triciclo Ape diventa un mezzo per l’indipendenza.

“Dalla testa al cielo/Auf ganzer Höhe” (2010) 54 min., regia di Debora Scaperrotta. Talk: Oscar La Rosa con Debora Scaperrotta, online dal 04.03.

Mohammed è un giovane uomo, il suo corpo lo ha portato ad un costante confronto con le persone. Un giorno ha deciso di andare via dalla sua Terra, il Marocco, per fare un viaggio alla ricerca di una dimensione nuova e di se stesso. A Bolzano ha trovato una nuova casa. Oggi lavora in uno studio cinematografico ed è padre.

“Starring Peter Martell” (1997) 43 min., regia di Fabrizio Favro. Talk: Renate Mumelter con Martin Kaufmann, online dall’11.03.

Il film ritrae l’attore Peter Martell, nato a Bolzano nel 1938, che ha iniziato la propria carriera con gli spaghetti western. Più tardi divenne un bon vivant. Il ritratto è disponibile in due versioni (tedesca e italiana), che differiscono anche nel contenuto.

“Hotel Life” (2004) 26 min., regia di Martine De Biasi. Talk: Uli Spitaler con Martine De Biasi, online dal 18.03.

Uno sguardo dietro le quinte di un elegante hotel di Bolzano, che rivela realtà interessanti su coloro che ci vivono come ospiti e come lavoratori. Gli abitanti di Bolzano riconosceranno l’Hotel Luna.

“The Good Intentions “ (2016) 85 min., regia di Beatrice Segolini. Talk: Bobby Gualtirolo con Beatrice Segolini, online dal 25.03.

Dopo sette anni passati lontano, Beatrice torna a casa con una film crew. La sua è una missione difficile: rompere il tabù che vige sulla violenza del padre.

“Moon Europa” (2016) 67 min., regia di Nuno Escudeiro. Talk: Bobby Gualtirolo con Nuno Escudeiro, online dal 01.04.

In mezzo alla Lapponia, nel buio inverno artico, si ritrovano persone da tutto il mondo: dalla Grecia, dal Portogallo, dalla Siria. Cosa li ha portati qui? Perché vi rimangono?

Foto, Peter Martell/c-Zelig

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *