Esteri Ultime Notizie

Siria, l’olio d’oliva rubato ad Afrin finanzia le milizie

3 Dicembre 2020

author:

Siria, l’olio d’oliva rubato ad Afrin finanzia le milizie

Fonti dell’Associazione per i popoli minacciati (APM) riferiscono che il governo turco sta nuovamente esportando olio d’oliva dalla regione curdo siriana di Afrin, occupata dal marzo 2018, verso la Germania e altri paesi dell’UE. Le ricerche del portale internet “Afrinpost” dimostrano chiaramente che l’esercito turco e i suoi mercenari siriani saccheggiano da mesi le scorte di olive e le piantagioni nel nord-ovest della Siria. Le aziende turche portano poi l’olio d’oliva rubato in Turchia attraverso il valico di frontiera di Hamam, a ovest della città di Afrin. Lì viene reso disponibile per le esportazioni finali.

Prima dell’inizio della rivolta siriana nel 2011, i contadini curdi vendevano il loro olio d’oliva per oltre quattro dollari al chilogrammo. Quest’anno ne stanno ricevendo meno della metà, spesso solo un terzo. Gli unici clienti fanno parte della “Cooperativa di credito agricolo della Turchia” (Türkiye Tarim Kredi Kooperatifleri). Nella maggior parte dei casi, i leader delle milizie siriano-islamiche sostenute dalla Turchia hanno agito da intermediari. Queste milizie spesso riescono ad estorcere l’olio d’oliva senza alcun compenso. In alcune giornate avrebbero raccolto in questo modo fino a 20 tonnellate di olio. La perdita totale per l’industria olivicola della regione è stimata tra i 65 e gli 80 milioni di dollari per la stagione in corso. Questo denaro non è stato perso ovviamente, ma è finito solo in altri posti. Una parte rimane direttamente alle milizie islamiste della regione. Con i proventi delle esportazioni, la Turchia finanzia le sue milizie anche in altre regioni.

La politica di rapine e saccheggi nella regione di Afrin ha portato alla distruzione totale di quelle che un tempo erano le aree più ricche della Siria. Senza l’aiuto dei loro familiari provenienti dall’estero, soprattutto dalla Germania, gli abitanti di Afrin non potranno sopravvivere. I Curdi di Afrin ricevono di solito anche il sostegno di organizzazioni umanitarie. Ma queste organizzazioni sono controllate dal governo turco e dalle bande islamiste. Secondo varie stime, ad Afrin ci sono circa 18 milioni di alberi d’ulivo che producono frutti di alta qualità. Le olive sono la componente più importante dell’agricoltura della regione. La stagione della raccolta, compresa la pre e post trasformazione, va da settembre a febbraio.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *