Ultime Notizie

La protezione dei civili nei conflitti è insufficiente

9 Dicembre 2020

author:

La protezione dei civili nei conflitti è insufficiente

L’ Associazione per i popoli minacciati (APM) critica l’inadeguata protezione della popolazione civile nei conflitti armati. Nella regione etiopica del Tigray, dove si continua a combattere, alle organizzazioni umanitarie viene ancora negato il libero accesso. In questo stesso periodo, sull’altro versante africano, il governo nigeriano ha praticamente rinunciato alla protezione della popolazione contro gli attacchi degli islamisti di Boko Haram.

La milizia terrorista sta infuriando senza alcuna seria resistenza da parte delle forze armate nigeriane. La popolazione cristiana in particolare, ma anche i credenti musulmani moderati non possono più contare sul loro Stato per la loro protezione. Spesso le milizie rapiscono donne e ragazze che sono costrette a sposarsi e ad avere figli in una situazione di prigionia. Se vengono liberati o sono in grado di fuggire, le madri e i loro bambini vengono spesso abbandonati dalla loro comunità. Questi figli della guerra avrebbero bisogno di una protezione speciale, che spesso viene loro negata in Nigeria. Nel periodo pre-natalizio, l’APM ha lanciato un appello perché si faccia di più per proteggere le vittime innocenti di Boko Haram.

Per quanto riguarda invece la situazione della popolazione civile del Tigray non è stato possibile effettuare nessuna verifica esterna. Dall’inizio dell’offensiva, all’inizio di novembre, la regione è stata soggetta a un blocco totale di Internet e di notizie. Il 28 novembre, infatti, il governo etiope aveva garantito alle Nazioni Unite con una assicurazione scritta che gli aiuti umanitari sarebbero stati ammessi nella regione del conflitto. Ma questo purtroppo non è successo. Non si tratta di una violazione contrattuale qualsiasi: è una violazione del diritto umanitario internazionale e una palese violazione dell’obbligo di proteggere coloro che non sono coinvolti nella guerra e dalle sue relative conseguenze. Le Nazioni Unite non dovrebbero accettare questo comportamento e dovrebbero trarne le conseguenze il prima possibile.

Foto, il Parco nazionale dei Monti Simien nel nord dell’Etiopia/c-A. Davey, CC BY 2.0.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *