Cronaca Ultime Notizie

Crisi economica. Parziale ripresa nel 2021 per il commercio all’ingrosso

14 Dicembre 2020

author:

Crisi economica. Parziale ripresa nel 2021 per il commercio all’ingrosso

Il clima di fiducia nel commercio all’ingrosso in Alto Adige rimane assai modesto, seppur con significative differenze tra i singoli comparti merceologici. Le aspettative di redditività per il 2021 sono migliori, ma inferiori rispetto ai livelli pre-crisi. Secondo le imprese, il nuovo anno dovrebbe portare anche una parziale ripresa degli investimenti e delle assunzioni di personale. Ciò emerge dall’indagine autunnale del Barometro dell’economia dell’IRE – Istituto di ricerca economica della Camera di commercio di Bolzano.
Il clima di fiducia nel commercio all’ingrosso altoatesino si conferma in decisa flessione rispetto agli ultimi anni: la redditività nel 2020 è considerata soddisfacente solo dal 71 percento delle imprese. Nonostante nei mesi estivi vi sia stato un deciso recupero dei fatturati, tanto che ad agosto essi sono stati superiori rispetto allo stesso mese dell’anno scorso, il 2020 resta complessivamente un anno negativo. Oltre tre quarti degli imprenditori e delle imprenditrici del commercio all’ingrosso segnalano una contrazione del giro d’affari rispetto al 2019. La perdita di fatturato ha riguardato soprattutto il mercato locale altoatesino e quello nazionale. La contrazione della domanda estera è stata più limitata: Nei primi tre trimestri dell’anno, l’Alto Adige ha esportato merci per oltre 3,5 miliardi di euro, con un decremento del 5,5 per cento rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.
Analizzando le varie branche che compongono il commercio all’ingrosso, si osservano significative differenze. Prevale decisamente il pessimismo tra gli intermediari del commercio, nel comparto degli articoli casalinghi e di arredamento e tra i grossisti di abbigliamento e calzature. In questi comparti, almeno la metà delle imprese lamenta una redditività insoddisfacente nel 2020. Molti operatori segnalano, inoltre, un forte incremento dei costi e un peggioramento delle condizioni di accesso al credito e della puntualità dei clienti nei pagamenti. Maggiore fiducia si riscontra tra i grossisti di materiali da costruzione e di elettronica ed elettrodomestici, dove oltre il 90 percento delle imprese confida di concludere l’anno con un risultato economico soddisfacente, anche grazie ad una più favorevole dinamica dei prezzi di vendita.
Maggiori aspettative sono riposte nel prossimo anno, in particolare sul fronte dei fatturati e dei prezzi di vendita, ma anche degli investimenti e dalle nuove assunzioni di personale. La ripresa sarà, però, solo parziale: la quota di imprese che prevede di raggiungere un risultato d’esercizio soddisfacente nel 2021 si ferma all’82 percento, sensibilmente al di sotto del triennio pre-crisi Covid. Un’eccezione positiva è rappresentata dal commercio di materiali da costruzione, dove quasi tutte le imprese confidano di conseguire il prossimo anno una redditività almeno soddisfacente, nei due terzi dei casi addirittura “buona”.
Il presidente della Camera di commercio Michl Ebner ribadisce l’importanza di sostenere le imprese in questa difficile fase: “Gli imprenditori e le imprenditrici del commercio all’ingrosso confidano di poter tornare a investire e a creare nuovi posti di lavoro nel 2021. La Camera di commercio continuerà a battersi affinché le imprese altoatesine ricevano tutto il sostegno necessario per superare questa terribile crisi.

Foto, Michl Ebner

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *