Ultime Notizie

Colpiti duramente dal Covid e scarsissima protezione dagli Stati

23 Dicembre 2020

author:

Colpiti duramente dal Covid e scarsissima protezione dagli Stati

Le popolazioni indigene di tutto il mondo sono state significativamente più colpite dalla pandemia di Corona virus rispetto alla popolazione totale dei rispettivi Paesi. Questa è la conclusione scioccante che l’Associazione per i popoli minacciati (APM) ha tratto alla fine del 2020. Le costanti sfide delle popolazioni indigene, come la povertà relativa, la mancanza di rappresentanza politica e l’accesso più difficile all’assistenza sanitaria si sono rivelate particolarmente fatali durante la pandemia. In molti paesi, il tasso di mortalità per corona virus tra gli indigeni è quindi fino al doppio di quello della popolazione nel suo complesso.

In Brasile la miseria è alimentata da un presidente che parla della pandemia e lavora attivamente contro gli interessi indigeni. Molte comunità hanno istituito propri punti di controllo per mettere in quarantena chi arriva o impedire ad estranei di entrare nelle proprie comunità. Ma anche i taglialegna illegali o i cercatori d’oro, ma spesso anche lo stesso personale medico, portano con sé il virus. In Brasile a metà dicembre sono state confermate più di 42.000 infezioni e quasi 900 morti tra gli indigeni. Anche i numeri in altri paesi dell’America Latina e dei Caraibi sono allarmanti. In Colombia al momento sono poco più di 35.000 le infezioni tra gli indigeni e si contano oltre 1.200 morti nell’ultimo mese, mentre il Messico si stimano poco più di 9.000 indigeni infetti e poco più di 1.100 morti. Tuttavia, la maggior parte di queste cifre tenderà a sottovalutare il tasso di infezione e il tasso di mortalità effettivi, perché i test sono relativamente pochi e non sistematici. Gli indigeni dell’Ecuador hanno dovuto organizzare e finanziare da soli i test. Su 10.000 test effettuati, oltre 3.200 sono risultati positivi. Con i numerosi morti per corona virus, le popolazioni indigene stanno perdendo molte conoscenze tradizionali. Gli anziani in particolare conservano la propria cultura proprio come biblioteche viventi. Molti non saranno più in grado di trasmettere le loro conoscenze alle prossime generazioni. Anche le popolazioni indigene dei paesi relativamente ricchi del Nord America sono state molto più colpite dalla pandemia e hanno avuto un accesso più limitato alle informazioni e alle cure mediche. Negli Stati Uniti molti indigeni hanno dovuto fare causa in tribunale per vedersi garantiti gli aiuti d’emergenza previsti per il corona virus.

Le popolazioni indigene dell’Artico, soprattutto in Russia, sono spesso esposte al virus a causa dei cantieri di mega progetti per l’esplorazione petrolifera e nel settore minerario. Centinaia di persone provenienti da tutte le parti del Paese si muovono in questi luoghi, e anche la forza lavoro cambia frequentemente – condizioni ideali per la diffusione del virus. Come se non bastasse negli ultimi anni il governo russo ha chiuso numerose strutture mediche più piccole. In caso di infezione, gli indigeni sono lasciati soli e non hanno alcun sostegno da parte dello Stato. Allo stesso tempo le loro basi di sussistenza si stanno sgretolando, poiché non possono più vendere i loro prodotti, come la carne di renna, in insediamenti più grandi a causa delle precauzioni sanitarie per il corona virus.

Foto, Marcia delle donne indigene in Brasile come resistenza alla politica repressiva di Bolsonaro/c-Eliane Fernandes / GfbV

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *