Esteri Ultime Notizie

Retorica nazionalista e le solite vecchie minacce

13 Novembre 2020

author:

Retorica nazionalista e le solite vecchie minacce

In Bosnia Erzegovina (BiH) domenica prossima, 15 novembre 2020, si terranno le elezioni comunali. Per la prima volta dal 2008, anche nella città di Mostar sarà eletto il governo locale. Ciò è stato reso possibile da un accordo tra i partiti politici. Secondo questo accordo, i deputati del consiglio locale sono eletti direttamente, l’incarico del sindaco viene assegnato invece indirettamente. “Anche quest’anno le campagne elettorali sono state fortemente influenzate dalla retorica nazionalista”, spiega Belma Zulcic, direttrice della sezione bosniaca dell’Associazione per i Popoli Minacciati. “La maggioranza dei partiti sono orientati etnicamente e cercano di ottenere voti utilizzando questioni nazionaliste, minacce e intimidazioni”. Milorad Dodik, presidente dell’Alleanza dei Socialdemocratici Indipendenti (SNSD) e rappresentante serbo alla presidenza della Bosnia-Erzegovina, ha nuovamente minacciato di distruggere il Paese e ha annunciato una coalizione serbo-croata.

In base alle previsioni attuali i partiti che sono stati dominanti fino ad ora sembrano essere avvantaggiati: al momento dominano nella Republika Srpska l’SNSD fortemente nazionalista, nella Federazione di BiH la Comunità democratica croata della Bosnia ed Erzegovina (HDZ), che è predominante tra i croati ed è anche nazionalista. Tra i bosniaci della Federazione, il Partito di Azione Democratica (SDA), attualmente predominante ed etnicamente orientato, riceverà probabilmente di nuovo la maggioranza dei voti. I numerosi partiti dell’opposizione nel paese avranno qualche possibilità di successo solo nelle aree a maggioranza bosniacca della Federazione della Bosnia Erzegovina.

“Ancora una volta ci sono accuse di frode elettorale e di manipolazione da parte del governo in carica e dei paesi vicini Serbia e Croazia. A ottobre erano già state presentate 3.500 denunce da parte di elettori registrati come assenti o all’estero, anche se vivono nel Paese. Inoltre, i nomi di persone che sono morte da 20 anni o più continuano a comparire nei registri elettorali”, riferisce Zulcic. “Le istituzioni competenti devono prendere sul serio queste accuse e seguirle in modo che le elezioni siano trasparenti e democratiche e la gente abbia fiducia nel processo elettorale.

La pandemia di Covid-19 rende il processo elettorale particolarmente difficile quest’anno. L’affluenza alle urne, tradizionalmente bassa, potrebbe diminuire ulteriormente per paura del contagio. “C’è da chiedersi seriamente se in queste circostanze la Commissione elettorale centrale sarà in grado di organizzare un regolare processo elettorale”, dice Zulcic.

Questa domenica potranno votare 3.283.380 aventi diritto al voto e 30.809 candidati si presenteranno alle elezioni. Sono divisi tra 129 partiti politici e 72 coalizioni, oltre a 262 candidati indipendenti. Le elezioni comprendono 64 consigli comunali della Federazione della BiH, 56 assemblee comunali nella Republika Srpska e 31 deputati per l’assemblea distrettuale di Brcko. Ci sono da eleggere anche 120 sindaci di comuni più piccoli e 22 sindaci di municipalità più grandi.

Foto, le donne davanti alle bare delle vittime di Srebrenica/c-archivio GfbV

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *