Cultura & Società Ultime Notizie

Covid 19, politica malata ed incapace di reggere l’urto della seconda ondata

12 Novembre 2020

Covid 19, politica malata ed incapace di reggere l’urto della seconda ondata

Questo è l’anno nel quale in tutto il mondo è arrivato un cigno, un cigno nero che ha cambiato radicalmente la storia dell’uomo e la vita di tutti gli abitanti.
Uno sguardo rapido alla situazione dell’Italia mostra l’immagine di un Paese in crisi: sfiducia, insicurezza, paura, confusione e disagio sociale dominano la nostra vita. Diritti fondamentali e libertà costituzionali sono sospesi e gli ospedali sono saturi. La piazza protesta e l’egoismo sembra imporsi con pericoli per l’ordine sociale.
Perché la nazione attraversa uno dei momenti più difficili della sua storia con grave emergenza sanitaria e con quella economica che devasta la vita di molti italiani soffocati dalla paura e dal lutto? Sembra paradossale ma la grave epidemia da coronavirus ha messo in luce la malagestione della politica attuale: i recenti interventi eccezionali non  riescono a “tenere” il Paese e a reggere l’urto della crisi.
Il nostro Governo – che appare come una burocratica scatola creata a tavolino – agisce come se fossimo alla prima esperienza di ondata pandemica, come se la brutta vicenda di marzo non fosse mai avvenuta: la situazione odierna è peggiore a causa dell’aumento dei contagi ed è “pericolosa” soprattutto per gli anziani che continuano a essere fra le prime vittime del covid-19.
Brutta è stata l’affermazione di Giovanni Toti governatore della Liguria …..”tra i decessi c’erano pazienti molto anziani … per lo più in pensione, persone non indispensabili allo sforzo produttivo del Paese…” Brutto è stato sostenere che “i non lavoratori” sono da tenere a casa perché non indispensabili alla produzione…!  Brutto è stato offrire soltanto un reddito di base a chi perde il lavoro ma non proteggere il lavoratore dalla perdita del suo lavoro.  Brutto è il ricordo dei tre recenti provvedimenti emanati nell’arco di una settimana che si rincorrevano ….!
La nostra politica è malata, debole e sconclusionata: è mancata e manca la capacità di dare una valida risposta agli effetti devastanti di una pandemia non solo per la popolazione ma anche per l’economia, la società, la cultura e quindi per la sicurezza nazionale. Perché non aprire gli occhi il più possibile e verso la direzione giusta per una “resurrezione culturale ed etica” come scriveva – perché insoddisfatto – il gesuita Bartolomeo Sorge recentemente morto? Non è pubblica opinione che il Paese ha bisogno di una politica diversa, quella vera e sana, la cui voce e i cui atti possano realizzare un progetto per “un buon futuro“?
Se la cultura politica rimane arcaica anzi vecchia e prigioniera della dialettica tra «sinistra» e «destra», se trascura il dualismo e la scelta tra «apertura» o «chiusura» alla globalizzazione, se non realizza il suo primato sull’economia, se non pone attenzione al quid umano e sociale, se tutto ciò rimane semplice fantasia che cosa ci resta se non ripetere che “il re è nudo” e che la politica è solo un teatrino degli specchi in cui è rappresentata l’unica e perenne manifestazione: quella della destra-sinistra entrambe schiave del dio Mercato.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *