Cultura & Società Ultime Notizie

Torna protagonista in Regione la danza contemporanea

1 Ottobre 2020

author:

Torna protagonista in Regione la danza contemporanea

Dopo una lunga astinenza dai palcoscenici, il 21 ottobre 2020 InDanza, la stagione di danza organizzata e promossa in Regione dal Centro Servizi Culturali Santa Chiara di Trento, incontra nuovamente il suo pubblico. Il cartellone 2020 ideato da Emanuele Masi presenta importanti novità: 6 appuntamenti, dal 21 ottobre al 1° dicembre 2020, di cui 3 lavori in prima nazionale e 2 in prima assoluta ospitati a Trento, Bolzano e Rovereto.

Linguaggio d’elezione la danza contemporanea, per un cartellone attento alla produzione nazionale dialogante con le istituzioni e gli artisti del territorio, impreziosito da opere di coreografi di fama mondiale.

Ancora una volta InDanza si presenta al pubblico come luogo di emozioni e incontri. Luogo in cui l’attualità e le tendenze si dispiegano senza d’altro canto dimenticare i capisaldi del passato come testimoniano Duo d’Eden, capolavoro del contemporaneo di Maguy Marin, interpretato negli anni anche da étoiles dell’Opéra di Paris, proposto a InDanza dalla MMContemporary Dance Company e il visionario remake del più celebre atto de La Bayadère, Il Regno delle Ombre, pensato da Michele Di Stefano per il sempre intraprendente Nuovo Balletto di Toscana.

«Riprendere l’abitudine di andare a teatro è qualcosa di meraviglioso – ha commentato il consulente artistico Emanuele Masi -. In uno scenario in cui persevera l’incertezza globale, la ripartenza di InDanza 2020 vede ospiti artisti di fama internazionale, tra i più amati dal pubblico della Regione quali Emio Greco, Marco Goecke, Marcos Morau, Maguy Marin. Al tempo stesso ribadisce il sostegno, mai venuto meno negli anni, alla produzione italiana di qualità e d’esportazione con le ospitalità delle compagnie di Michele Merola (associata al Circuito Danza Trentino nel triennio 2018-2020), di Mauro Astolfi (Spellbound) e il Nuovo Balletto di Toscana diretto da Cristina Bozzolini con la prima assoluta di Bayadère-Regno delle Ombre di Michele Di Stefano, Leone d’Argento per l’innovazione alla Biennale di Venezia».

Foto, Spellbound/c-Piero Tauro.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *