Cronaca Ultime Notizie

Prolungare per tre anni e rifinanziare il Superbonus 110%

18 Ottobre 2020

author:

Prolungare per tre anni e rifinanziare il Superbonus 110%

CNA Trentino Alto Adige, in linea con CNA Nazionale, chiede con forza al Governo e a tutti i parlamentari della nostra regione di inserire nella Legge di Bilancio il prolungamento per il prossimo triennio e relativo rifinanziamento del Superbonus 110% per la riqualificazione energetica e gli interventi antisismici degli edifici.

“Consideriamo la misura – spiega Claudio Corrarati, presidente della CNA regionale, un volano straordinariamente importante per l’intera filiera delle costruzioni e al riguardo sollecitiamo l’estensione dell’incentivo anche ai capannoni”.

Secondo CNA, il Superbonus 110% potrà beneficiare delle risorse destinate dal Recovery Fund alla transizione energetica e in prospettiva questo strumento potrà essere finanziato fino al 2026 favorendo l’accelerazione degli interventi di riqualificazione edilizia.

“In questo contesto – aggiunge Corrarati – CNA ha avviato in Alto Adige, con possibilità di estenderla anche al Trentino, una forte partnership con Euregio Plus e Agenzia CasaClima, entrambe a capitale pubblico, per fornire a condomini e imprese un pacchetto di servizi a 360° che consente di progettare correttamente gli interventi, ottenere le necessarie certificazioni e asseverazioni, gestire il credito d’imposta, saldare le aziende e non far sborsare nemmeno un euro ai proprietari di immobili. Una gestione sinergica delle forze in campo, con la regia affidata al NOI Techpark, tra chi ha possibilità di gestire il credito di imposta, chi ha la competenza e la professionalità di analizzare e verificare il fabbisogno dei fabbricati da ristrutturare e le nostre aziende che, da anni oramai, si sono specializzate nei risanamenti energetici”.

La proposta di Cna regionale: ”Strutturare questo sistema in un contesto di Superbonus 110% Südtirol e Superbonus 110% Trentino è quanto mai necessario, ancor più oggi che la pandemia da Covid19 sta creando gravi danni all’economia, ma al contempo sta spingendo tutti a sviluppare nuove opportunità per tenere in piedi un settore strategico come la filiera delle costruzioni”.

Un’indagine del Centro Studi CNA su oltre 2.000 imprese associate della filiera dell’edilizia ha rivelato che Il Superbonus 110% per l’efficientamento energetico e gli interventi antisismici delle abitazioni sta generando grandi aspettative e interesse tra i cittadini e le imprese ma emergono criticità e complessità sulle procedure per utilizzare la misura. Quasi l’80% del campione ritiene che il Superbonus potrà dare nuovo impulso al settore delle costruzioni mentre il 40% prevede la creazione di nuovi posti di lavoro. Le grandi aspettative delle imprese sono il riflesso dell’interesse dei cittadini. Il 64,2% del campione dichiara di aver registrato un interesse molto alto da parte di potenziali clienti e il 64% afferma che l’attesa per l’operatività della misura ha provocato un deciso rallentamento dei lavori negli ultimi mesi. Tuttavia il 54,4% delle imprese rileva che meno del 10% delle richieste di informazioni si sono trasformate in preventivi per lavori e soltanto il 9,6% delle imprese ha già avviato interventi agevolabili con il Superbonus 110%.

Sulle tipologie di interventi, il cappotto termico è quello che incontra il maggio interesse, praticamente una richiesta su tre. A seguire impianti di riscaldamento/condizionatori con il 21,6% e con l’11,7% l’installazione di impianti fotovoltaici. Molto basso invece l’interesse per interventi antisismici (solo l’1,6% delle richieste di informazioni). Al momento l’interesse è concentrato soprattutto sulle abitazioni singole con il 79,2% mentre i condomini riguardano il 20%. Dall’indagine emerge che molti contatti di potenziali clienti con le imprese si interrompono prima del preventivo a causa di impedimenti tecnici. Nel 45% il committente scopre che non tutti gli interventi che intende realizzare possono godere della misura, nel 13% dei casi i lavori non partono a causa di difformità catastali.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *