Cultura & Società Ultime Notizie

“L’ITALIA SI RACCONTA”

2 Ottobre 2020

author:

“L’ITALIA SI RACCONTA”

Prosegue il programma dell’edizione speciale “L’ITALIA SI RACCONTA” della Rassegna Internazionale del Cinema Archeologico. Protagonista il Patrimonio culturale al cinema, i siti, i registi e i produttori italiani ma non solo. La rassegna è organizzata dalla Fondazione Museo Civico di Rovereto con il sostegno del Comune di Rovereto e con il patrocinio della Comunità della Vallagarina, della Provincia autonoma di Trento, della Regione Trentino Alto Adige, del Ministero ai Beni e alle Attività culturali e del Ministero degli Esteri.

L’INGRESSO Al TEATRO ZANDONAI DI ROVERETO è GRATUITO, POSTI CONTINGENTATI

I film sono in concorso per il premio del pubblico.

Tutto il programma, a parte l’evento speciale sul Colosseo, è disponibile anche in streaming http://www.rassegnacinemaarcheologico.it/rassegnaonline

IL PROGRAMMA DI SABATO 3 OTTOBRE

il mattino comincia con un episodio poco conosciuto della storia siciliana, Racconto di una strage, di Gaetano di Lorenzo, per proseguire con un film breve di Luca Annovi curiosamente interamente girato con lo smartphone dal titolo Sei statue in cerca di Roma. Il ricordo di un grande regista napoletano che ha narrato vita e tradizioni del sud, Luigi Di Gianni: Soul of the South, coproduzione italo statunitense diretta da Jeannine Guilyard  prosegue la mattinata, seguito da Ragusa Terra Iblea di Francesco Bocchieri che narra la storia della città fino alla sua rinascita barocca dopo il terremoto, e da un film sul Chad, il leggendario Gerewol di Yuri de Palma sul tradizionale corteggiamento tribale. La mattinata si chiude con Il Palazzo, di Alberto Valtellina, storia molto particolare con protagonista la tradizione del ricamo a tombolo.

Nel pomeriggio, spazio alle missioni Italiane nel mondo con il film prodotto da RAI Cultura Italia: viaggio nella bellezza. La scuola di Atene. L’archeologia italiana nell’Egeo, dedicato alla celebre Scuola Archeologica Italiana di Atene (SAIA). Subito dopo il corto Venice is On the water di  Paolo Pandin, un gioco di immagini per raccontare Venezia, cui segue un originale e poetico  documentario che racconta dei sassi di Matera non come monumenti storici, ma come vita quotidiana  negli anni Cinquanta,  dal titolo Enzo, De Gasperi e la Bolex Paillard, di Delio Colangelo. A seguire una fiction sulla figura del musicista Domenico CImarosa, Le stravaganze del conte, di Francesco Veronà e Peppe Lanzetta, un film su Eroi, Miti e Leggende alle origini delle città del Lazio, di  Alessandro Grassi e il poetico  Il Luciaiuolo di Joe Nappa, il corto che narra  la breve storia di un pescatore di sardine di Procida, nel Golfo di Napoli. Il pomeriggio prosegue con Attimi Sospesi di  Stefano Fiori, sul testativo di salvare i reperti storico archeologici italiani nella seconda guerra mondiale, e Matera, il film più bello di  Vito Cea, ritratto della  Capitale europea della cultura.

A chiudere il pomeriggio l’evento speciale alle 18.30

REOPENING COLOSSEUM, IL COLOSSEO IN QUARANTENA con la presenza in sala dei registi Luca Lancise e Davide Morabito e dei responsabili del Parco del Colosseo

La serata del festival  è dedicata ai film Dal mondo con un documentarioo francese della Gedeon Programmes dal titolo  Costruttori di piramidi: nuovi indizi, una produzione su Petra, simbolo di multiculturalismo in Medioriente, un film  portoghese su Gli enigmi di Cabeço da Mina, un sito enigmatico in Portogallo, a Villa Flor, dove è stata scoperta una serie di stele e menhir dai tratti antropomorfi, e

Madre di Mosul, film iracheno delicato e tragico sui bambini di Mosul iche dopo essere stati evacuati dalle proprie case, stu-diano la storia della loro città distrutta e la perdita della loro identità.

A chiudere, Elarmekora, film francese sulle tracce dei primi uomini preistorici del bacino del Congo, e Gonj (miele), film iraniano sulla raccolta del miele, usato per i malati,  in condizioni estreme sui Monti Zafros

——

LE ESPERIENZE in RASSEGNA CON APT DI ROVERETO E VALLAGARINA

L’APT di Rovereto e Vallagarina mette a disposizione un’esperienza speciale tra cinema e territorio, da prenotare sul sito di APT

Sabato 3 ottobre
• 10-11.30 Sulle tracce di Paolo Orsi, visita guidata nel centro storico attraverso i luoghi che raccontano il famoso archeologo roveretano

Domenica 4 ottobre
• 15-16.30 Alla scoperta del Castrum, visita al sito archeologico pluristratificato situato sull’Isola di Sant’Andrea nell’alveo del Lago di Loppio.

Abbinato alle due iniziative e COMUNQUE TUTTI I GIORNI SI PUÒ PRENOTARE pranzo/cena con menu a tema, posto in prima fila per le proiezioni della Rassegna, biglietto gratuito per visitare liberamente la mostra “Ci vuole un fiore. La flora del Trentino: ieri, oggi e domani”.

Il programma della Rassegna nella sua interezza è consultabile sul sito ufficiale del festival www.rassegnacinemaarcheologico.it

Foto, Matera.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *