Cultura & Società Ultime Notizie

F(r)isch mich – l’alternativa naturale

3 Ottobre 2020

author:

F(r)isch mich – l’alternativa naturale

Usiamo borse riutilizzabili durante la spesa – per il bene della natura! Compriamo prodotti locali, stagionali e di commercio equo solidale per dare un supporto alle nostre contadine ed ai nostri contadini.

“Avete mai pensato quanti sacchetti di plastica vengono gettati nella spazzatura ogni giorno?” ha chiesto provocatoriamente la presidentessa dell’Associazione delle Donne Coltivatrici Sudtirolesi (SBO) Antonia Egger durante l‘evento stampa “F(r)isch mich – l’alternativa naturale” organizzato al mercato settimanale di Bolzano.

È un dato di fatto che ogni anno vengono usati miliardi di sacchetti di plastica. La maggior parte di queste borse vengono prodotte a base di petrolio. Ma non solo la loro produzione è problematica. Anche il processo di riciclaggio consuma molta energia. Nel caso peggiore, i sacchetti di plastica finiscono in mare.

“Dobbiamo proteggere il nostro pianeta. Non ne abbiamo un altro. Tutti possono contribuire a ridurre la quantità di plastica che finisce in mare – e questo inizia con i nostri acquisti quotidiani”, ne è convinta Egger. La SBO ha lanciato in primavera l‘azione “Io Rinuncio 2020” per incoraggiare a fare spesa senza plastica, soprattutto nei mercati o presso i negozi di frutta e verdura.

La plastica può essere ridotta anche presso altri negozi grazie all’uso delle borse riutilizzabili per la spesa. Di recente la SBO ha organizzato sul mercato settimanale di Bolzano una campagna di sensibilizzazione LOCAL – SEASONAL – FAIR. WIR SIND DABEI! STIAMO INSIEME!. Durante questo evento erano distribuite ai visitatori le borse riutilizzabili e le ricette per cucinare usando prodotti locali, stagionali e di commercio equo solidale.

Le borse da spesa fai-da-te, fatte con i materiali che altrimenti finirebbero nella spazzatura, sono particolarmente rispettosi dell’ambiente. La contadina-fornitrice di servizi Mathilde Reichhalter spiega quanto è facile realizzarle: “Ci vogliono solo stoffa di tessuto leggero, filo di cotone, laccio di cotone, spilla da balia, forbici, un metro a nastro e ovviamente una macchina da cucire. Non è difficile.” Durante l’evento stampa Mathilde ha cucito le borse di stoffa riutilizzabili di fronte ai visitatori al mercato settimanale di Bolzano.

Antonia Egger, presidentessa dell’Associazione delle Donne Coltivatrici Sudtirolesi, ha fatto appello ai visitatori del mercato: “Trattiamo la nostra natura in modo responsabile e sostenibile, usiamo borse riutilizzabili per la spesa e acquistiamo prodotti regionali, stagionali e di commercio equo solidale. Per il bene della nostra terra e delle future generazioni. “

Herbert Von Leon, presidente della Federazione Cooperative Raiffeisen, ha distribuito insieme alla Egger i sacchetti di frutta e verdura “f(r)isch mich”: “Le contadine si impegnano per la sostenibilità e per questo supportiamo volentieri questo progetto. Le auguro tanto successo.”

I visitatori del mercato hanno accettato volentieri le borse riutilizzabili, supportando la campagna di sensibilizzazione: “Io non butto via nulla, posso riutilizzare tutto. La gente deve imparare a farlo, per questo credo che questa campagna sia molto utile”, ha detto Hildegard Lechner, una visitatrice del mercato di Bolzano.

La guida per realizzare una borsa riutilizzabile fai-da-te può essere scaricata sul sito www.baeuerinnen.it.

Foto/©SBO.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *