Cronaca Politica Ultime Notizie

Azione di protesta indigena sciolta con l’uso della violenza

15 Ottobre 2020

author:

Azione di protesta indigena sciolta con l’uso della violenza

 

Costruire un muro di confine tra gli Stati Uniti e il Messico cinque anni fa è stata una delle promesse elettorali centrali del presidente americano Donald Trump, ed è stata più volte un mezzo per fomentare l’odio contro gli immigrati. Lungo il suo percorso previsto nel sud degli Stati Uniti vivono diverse comunità indigene, i cui storici insediamenti sono ora tagliati a pezzi dal confine di stato. Nei loro territori gli indigeni attraversano regolarmente i confini per visitare cimiteri, parenti o muoversi verso terreni agricoli. L’Associazione per i Popoli Minacciati (APM) ha ripetutamente criticato il fatto che un muro renderebbe questo libero movimento molto difficile o impossibile. I lavori di costruzione hanno già violato i diritti territoriali indigeni e distrutto i loro santuari.

Per anni ci sono state aspre proteste indigene contro il muro, soprattutto da parte dei Tohono O’odham in Arizona. Il 12 ottobre, giorno della resistenza indigena, circa 30 O’odham hanno pregato la mattina presto in un valico di frontiera sul loro territorio per i luoghi sacri e i cimiteri che sarebbero stati distrutti dalla costruzione del Muro e dalla militarizzazione del confine. Questi luoghi sacri sono in realtà protetti dalla legge sulla libertà religiosa. Tuttavia questo non ha impedito alle truppe federali di frontiera e agli ufficiali di sicurezza dello stato dell’Arizona di interrompere violentemente la celebrazione religiosa pacifica. Per sciogliere la manifestazione sono stati utilizzati proiettili di gomma e gas lacrimogeni. Almeno otto indigeni sono stati arrestati e i giornalisti sono stati ostacolati nel loro lavoro.

Qualche giorno prima, una Corte d’appello federale aveva fermato la costruzione del muro in Arizona, Texas, New Mexico e California. Gruppi della società civile e alcuni stati avevano fatto causa perché il governo Trump voleva dirottare 3,6 miliardi di dollari dal bilancio della difesa. Questo è contro la costituzione. Anche quest’anno lo Stato dell’Arizona svolge un ruolo speciale nella campagna elettorale: per la prima volta in 72 anni, c’è la possibilità che il Partito Democratico venga eletto a maggioranza in Arizona. Durante la loro visita durante la campagna elettorale nella capitale Phoenix, Joe Biden e Kamala Harris si sono presentati con cinque leader indigeni per discutere dei loro problemi e per chiedere il voto. A loro si sono uniti i leader della Nazione Navajo, della Comunità Indiana del fiume Gila, della Tribù Apache San Carlos e della Tribù Hopi, così come il presidente della Nazione Tohono O’odham Ned Norris Jr.

Inoltre, la coppia di candidati democratici Biden-Harris, ha pubblicato un documento programmatico di 15 pagine sulla loro politica indigena. Uno dei punti più importanti è la reintroduzione della Conferenza annuale delle Nazioni Tribali alla Casa Bianca. Questo incontro dei leader delle nazioni native ufficialmente riconosciute con i rappresentanti del governo degli Stati Uniti è stato organizzato da Barack Obama. Il documento si occupa anche della violenza contro le donne indigene negli Stati Uniti, dell’energia rinnovabile e di una task force per garantire il diritto di voto agli indigeni. Il Partito democratico dimostra di essere consapevole dei problemi delle popolazioni indigene del Paese e sembra disposto a lavorarci.Nella riserva di

Foto: Pine Ridge il 65% della popolazione è rifornito da pozzi privati. Foto@Christina Voormann.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *