Politica Ultime Notizie

Lista Zanin – “Cultura e turismo un volano per la ripartenza economica e strumento per la sicurezza”

10 Settembre 2020

author:

Lista Zanin – “Cultura e turismo un volano per la ripartenza economica e strumento per la sicurezza”

Questa mattina nel suggestivo giardino del Convento di Maria Heim in via Novacella a Bolzano, il capolista della lista civica Zanin, Gabriele Giovannetti insieme al candidato Sindaco Roberto Zanin e i candidati Franco Collesei, Luca Calò e Giorgio Degli Agostini hanno   presentato il progetto del “Sentiero Biancorosso per Bolzano”. 

Così Zanin: “La sicurezza e la ripartenza economica sono una priorità: investendo in cultura si possono ottenere entrambe. Portare turismo nei quartieri significa sostenere il commercio di vicinato. Promuovere eventi culturali nei parchi, in zone degradate, ma significa portare vita, movimento positivo e controllo. In questo senso il progetto del Sentiero Biancorosso rappresenta un’idea veramente positiva. Soluzioni per la sicurezza non sono solo telecamere e pattugliamenti, ma anche controllo sociale.”

“Ci siamo ispirati al modello del Freedom Trail di Boston”, spiega Giovannetti. “Quella città, è una delle poche città satunitense ad aver avuto uno sviluppo urbanistico simile a quello di una città europea: un centro storico vasto e attrattivo, zone decentrate con difficoltà di sviluppo commerciale. Per superare queste difficoltà è stato realizzato sul selciato urbano una vera e propria linea rossa sul selciato urbano che collega tutti i punti più attrattivi consentendo ai turisti di seguire semplicemente il percorso spostandosi in tutta la città.

Bolzano, per altro, è una bellissima città, non solo il suo centro storico. È necessario portare le persone oltre il Ponte Talvera per scoprire tutte le bellezze della città, ad esempio l’area delle Semirurali con il suo Museo e parco, il muro del Lager, o il convento di Maria Heim, dove ci troviamo.

Non basta: questo percorso può diventare uno strumento per facilitare la realizzazione di poli attrattivi laddove manchino: un piccolo museo sulla via Claudia Augusta esponendo il cippo di Rablà, un museo dell’automobile (in collaborazione con alcune realtà associative già attive sul territorio) o ancora il Museo dell’Hockey al Palaonda, o il museo  dell’Autonomia.”

“Il percorso sul selciato può essere realizzato nei punti più rilevanti, favorendo collegamenti con autobus per quelli più distanti. Insomma soluzioni per portare turismo anche nei quartieri decentrati.”

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *