Esteri Ultime Notizie

Le bugie di Bolsonaro all’ONU

26 Settembre 2020

author:

Le bugie di Bolsonaro all’ONU

L’Associazione per i Popoli Minacciati (GfbV) critica le menzogne pronunciate dal presidente brasiliano Jair Bolsonaro, martedì 22 settembre, alla 75a Assemblea Generale delle Nazioni Unite. Nel suo discorso il presidente esponente dell’estrema destra brasiliana ha accusato gli indigeni del Paese di essere i responsabili degli incendi in Amazzonia e nel Pantanal. Ha affermato che il suo governo ha introdotto una politica di “tolleranza zero” nei confronti dei crimini ambientali e ha fatto tutto il possibile per combattere la crisi dovuta al Coronavirus.

Le affermazioni di Bolsonaro sono ovviamente false. I dati della NASA mostrano che oltre il 54% degli incendi boschivi in Amazzonia sono dovuti alla deforestazione. Nel Pantanal, la polizia federale sta indagando su grandi proprietari terrieri per il disboscamento illegale per il pascolo del bestiame e la coltivazione della soia. Secondo l’Istituto di ricerca ambientale in Amazzonia IPAM, solo il 7% degli incendi sono iniziati su terreni indigeni l’anno scorso. Nel frattempo, secondo l’Agenzia spaziale brasiliana Inpe, il 52% degli incendi sono scoppiati su terreni che sono stati successivamente utilizzati da grandi e medie aziende agricole. Contrariamente a quanto sostiene Bolsonaro, le sanzioni per le violazioni ambientali sono in calo: solo nel Pantanal sono diminuite del 48% rispetto all’anno scorso. L’affermazione di Bolsonaro che la foresta pluviale non può bruciare perché è bagnata è semplicemente ridicola poiché gli incendi boschivi sono proprio lì. I cambiamenti climatici e la deforestazione hanno reso le foreste più secche. Bruciano più facilmente e più violentemente che in passato.

L’Associazione dei popoli indigeni del Brasile (APIB) aveva accusato Bolsonaro di “usare la menzogna come politica di governo”. L’APIB mette in guardia contro la distorsione della realtà per vendere una falsa immagine del Brasile. Bolsonaro cerca di sottrarsi alla responsabilità nel combattere la pandemia di coronavirus. Le popolazioni indigene ne sono particolarmente colpite. Ci sono già state 709 infezioni solo nella regione abitata dagli Yanomami. In totale sono state rilevate 33.226 infezioni presso 158 popolazioni indigene, e 826 indigeni sono morti. Allo stesso tempo Bolsonaro ha affermato di aver sempre fornito finanziamenti e che i singoli Stati, la magistratura e i media erano i veri responsabili della crisi. Lui stesso ha sempre minimizzato il virus e la pandemia e ha impedito attivamente agli Stati di fare qualcosa.

L’APIB ha chiesto alla Corte Suprema brasiliana una spiegazione sulle false accuse del presidente. In una lettera all’ONU, l’organizzazione resiste anche ai tentativi di criminalizzare la sua protesta. Nella lettera, gli indigeni formulano “accuse intimidatorie” e sono preoccupati per la sicurezza dei loro leader. Sonia Guajajara, coordinatrice dell’APIB, è sempre più bersaglio di attacchi personali.

Foto/c-Eliane Fernandes / GfbV.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *