Cultura & Società Ultime Notizie

La cantante Maja Ratkje in scena con MDI ensemble negli spazi di MUSEION

15 Settembre 2020

author:

La cantante Maja Ratkje in scena con MDI ensemble negli spazi di MUSEION

La voce è il cuore e l’anima della musica di Maja Solveig Kjelstrup Ratkje, compositrice norvegese celebrata dalla critica di tutto il mondo per la sua capacità di coniugare la tecnica vocale e la tecnologia, per la sua stravaganza ed originalità. Il Financial Times ha definito le sue composizioni “drammatiche, coinvolgenti e selvaggiamente variegate”, mentre The Wire l’ha descritta come “una musicista superba”.

Nell’ambito di Transart la compositrice si avventura in un terreno inesplorato con un progetto in collaborazione con MUSEION che vedrà la luce il 17 settembre alle ore 18.0019.30 e 21.00, negli spazi del museo d’arte moderna e contemporanea.

Il titolo è THROUGH THE BLIND SPOT e fa riferimento a quel punto della retina privo di fotorecettori, un punto cieco dunque nell’occhio, che il cervello riempie grazie ai dati circostanti, in un certo senso quindi facendo una “supposizione” su quello che potrebbe trovarsi in quel punto. Si apre qui un grande interrogativo sulla virtualità, sulla comunicazione digitale e mediata, che è anche al centro della performance dal momento che Maja non si troverà fisicamente a Museion bensì in collegamento streaming da Oslo, mentre a Bolzano saranno presenti i musicisti dell’MDI ENSEMBLE.

Il programma prevede alcuni vecchi lavori della Ratkje, con cui la cantante interagirà in parallelo, comparendo su uno schermo in mezzo all’ensemble, in un certo senso dialogando con la formazione ma anche mantenendo la distanza, fisica e musicale, rispetto all’esecuzione. “Nella musica per me è tutta una questione di comunicazione”, spiega la compositrice. “Per questo si pone ora un’importante sfida: come ripensare la comunicazione musicale nell’eventualità di una distanza fisica colmata dalla tecnologia?”.

In questo esperimento dal sapore quasi scientifico la musicista norvegese si avvarrà della collaborazione di veri e propri perfezionisti del contemporaneo. Gli strumentisti del mdi ensemble sono letteralmente votati all’esecuzione di nuova musica, che eseguono con la passione, la cura e la precisione con cui le grandi formazioni cameristiche eseguono la musica tradizionale. Nato a Milano diciotto anni fa l’mdi si è affermato come una delle più importanti realtà a livello nazionale nel campo della musica contemporanea, ottenendo importanti riconoscimenti tra cui nel 2017 il premio “Una vita nella musica” dal Teatro alla Fenice di Venezia.

Questa performance è allo stesso tempo una sfida, un concerto, un’azione, un esperimento quasi scientifico, ed il risultato è totalmente aperto: “Chi può dire se davvero si creerà un contatto oppure no?”, si domanda Maja Ratkje. “Io amo i momenti fisicamente condivisi di ascolto ed esecuzione estemporanea della musica, perciò questa situazione concertistica è in contrasto con il mio ideale di un’esperienza musicale ottimale e questo mi sprona a condividere con il pubblico il miglior prodotto possibile. Per me è allo stesso tempo motivo di ispirazione e di sfida.”.

Sempre il 17 alle ore 19.00 Transart vi invita anche a conoscere meglio gli artisti della bioarte Christa Sommerer e Laurent Mignonneau in un talk al Centro Culturale Trevi dove è installata Scavengers, la loro animazione immersiva che racconta l’importanza degli scarafaggi e degli insetti per la sopravvivenza del nostro pianeta.

La prenotazione è obbligatoria: i biglietti per gli spettacoli sono disponibili alle casse del Teatro Comunale negli orari d’apertura e online al sito www.ticket.bz.it oppure scrivendo ad info@ticket.bz.it

Foto, Maja S.K. Ratkje/c-Ellen Lande Gossner.

 

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *