Cronaca Ultime Notizie

Il Trentino-Alto Adige registra il maggior calo dei consumi in Italia

1 Settembre 2020

author:

Il Trentino-Alto Adige registra il maggior calo dei consumi in Italia

Il Trentino-Alto Adige ha registrato il più alto calo dei consumi in Italia. Questo è il risultato di un recente studio di Confcommercio, di cui fa parte l’Unione commercio turismo servizi Alto Adige.
Nel 2020 la spesa in Regione è diminuita del 16 percento rispetto al 2019, che in termini assoluti rappresenta un calo di 4,023 miliardi di euro. Al secondo posto la Regione Veneto con meno 15,1 percento, seguita dalla Valle d’Aosta con meno 14,2 percento. Per contro, la media italiana è di meno 10,9 percento. Ciò corrisponde a un livello simile a quello della metà degli anni Novanta.
“Il calo relativamente elevato dei consumi era prevedibile anche a causa della lunga fase del lockdown. Essere in testa alla classifica sopra la media può sembrare un po’ sorprendente a prima vista, ma ci sono anche delle ragioni comprensibili”, commenta il presidente dell’Unione Philipp Moser i risultati. Ad esempio, la mancanza di ospiti e turisti nelle città e nei paesi per mesi e anche lo smart working molto diffuso sono due ragioni di questo calo della spesa dei consumatori.
“Una cosa è sicura: per il futuro dei nostri centri urbani – dove la gente fa acquisti e consuma – bisogna agire. I nostri centri vivono della loro attrattività, della qualità della vita e della frequenza delle persone che vi si spostano e vi soggiornano. È importante mantenere la loro unicità e vitalità in modo che continuino ad attirare la gente”, ha detto Moser.
Pertanto, da un lato, vi è la necessità di condizioni quadro adeguate per le aziende che vi operano. Un fondo di rivitalizzazione dei centri, la creazione di “centri commerciali naturali” con coordinamento centrale del mix dell’offerta, del marketing e delle iniziative, nonché agevolazioni fiscali, sono misure adeguate.
D’altro canto, è necessario anche un riorientamento delle aziende in termini di digitalizzazione e di nuovi canali di distribuzione. Molti di loro hanno già potuto e dovuto imparare da questo durante la fase del lockdown.
Strettamente correlate a questo sono le misure per rafforzare i circoli economici locali. “Negli ultimi mesi abbiamo imparato nel modo più duro a pensare in modo più regionale nella nostra vita quotidiana. In tempi record, l’interesse dei consumatori per i beni, i prodotti alimentari e i servizi locali è aumentato. La nostra piccola economia vive principalmente di regionalità e di prodotti e servizi locali. Questo ciclo ha bisogno di essere stimolato”, sottolinea Philipp Moser.
“L’obiettivo è quello di riportare l’economia altoatesina e, in relazione ad essa, i consumi al livello dell’inizio del 2020 entro i prossimi uno o due anni”, conclude il presidente dell’Unione.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *