Politica Ultime Notizie

Bolzano. PSI-VOLT+BOLZANO in piazza per il NO al Referendum

13 Settembre 2020

author:

Bolzano. PSI-VOLT+BOLZANO in piazza per il NO al Referendum

Hanno esposto oggi in piazza Walter le ragioni per votare NO al referendum. Con questo taglio di parlamentari diminuirà il pluralismo politico e culturale, col rischio di una desertificazione della vita politica e legislativa – è stato affermato. La riduzione del numero dei parlamentari si colloca lungo la via reazionaria e antiparlamentare secondo la quale per ridurre la spesa pubblica bisogna liberarsi di un certo numero di deputati e i senatori e non invece intervenire con reali riforme. Questa linea illiberale ha in sé l’indebolimento dello Stato di diritto e, di conseguenza, rappresenta un anti costituzionalismo strisciante. La democrazia parlamentare subirà un processo involutivo che comporterà un allargamento della forbice tra Paese legale e Paese reale.
Duro il giudizio nei confronti del PD e del Movimento 5 Stelle. Di seguito le motivazioni a firma del segretario del PSI dell’Alto Adige.
Rispetto a tutto ciò è incredibile che il PD sia passato da 3 NO contro il taglio a un SI favorevole alla riduzione senza senso. Con questa scelta il PD rinnega tutta una storia politica e culturale dei post comunisti e post democristiani fondata sulla centralità del Parlamento, sulla democrazia rappresentativa, sul rispetto del pluralismo, sulla Costituzione repubblicana. Anche la componente interna critica che si è allacciata a quei pochi parlamentari riformisti che hanno collaborato in modo trasversale contro i tagli previsti dal referendum e che hanno cercato di ridimensionare le velleità populiste dei 5S, ai quali non interessa affatto – ammantati della cosiddetta democrazia diretta tramite la piattaforma Rousseau – che il taglio penalizzi ultra misura interi territori – in special modo le piccole Regioni del Mezzogiorno e persino la nostra Provincia – che perderanno rappresentanza parlamentare Il risultato sarà che il lavoro di molte commissioni parlamentari diventerà impossibile, che, al di là di qualunque legge elettorale, peraltro finora neanche abbozzata, ci sarà un effetto ultra maggioritario per cui le Camere, in formato ridotto di nominati dalle segreterie dei partiti, sarà anche ristretto nell’ambito di pochissime forze politiche.
Con questo taglio di parlamentari diminuirà il pluralismo politico e culturale, e comporterà un probabile impoverimento della vita politica e legislativa.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *