Cronaca Ultime Notizie

Alto Adige. Nuovi edifici scolastici e più aule per la ripartenza della scuola

11 Settembre 2020

author:

Alto Adige. Nuovi edifici scolastici e più aule per la ripartenza della scuola

Il nuovo anno scolastico per alcuni istituti ha preso il via con novità strutturali di rilievo, importanti anche per garantire le norme di sicurezza riferite alla prevenzione del Covid-19. “Nonostante le difficoltà legate proprio alla situazione epidemiologica i funzionari ed i tecnici della Ripartizione edilizia e servizio tecnico hanno lavorato con impegno e determinazione per portare a termine i lavori di costruzione o di adeguamento nel settore edilizia scolastica. Abbiamo così messo a disposizione nuove aule e spazi rinnovati agli studenti e agli insegnanti per un buon avvio del nuovo anno scolastico dopo la lunga assenza”, fa presente l’assessore provinciale all’edilizia pubblica e patrimonio.
Un nuovo volume realizzato in aderenza all’edificio principale connota da quest’anno il complesso che ospita il Liceo delle scienze umane ed artistico “G. Pascoli”, in via Grazia Deledda 4 a Bolzano. Per far fronte al notevole incremento degli studenti iscritti, con aumento delle classi e degli indirizzi, sono state allestite provvisoriamente 4 ulteriori aule in strutture prefabbricate. Le nuove aule, di forma quadrata, sono collegate fra di loro da un corridoio rettilineo illuminato con luce naturale grazie ad un’ampia finestratura. Il corridoio è connesso direttamente con la hall d’ingresso dell’edificio principale. Questa configurazione consente facilità di movimento agli alunni e agli insegnanti. “A causa delle misure cautelative per il Covid-19, la capienza indicativa di 72 alunni più insegnanti delle 4 aule prefabbricate è stata ridotta a circa 60 alunni più gli insegnanti”, spiega il responsabile unico del procedimento Stefan Canale, dell’Ufficio edilizia ovest. L’investimento operato ammonta a circa 200.000 euro.
I quasi 400 allievi delle terze, quarte e quinte classi che frequentano i corsi professionalizzanti presso l’edificio Böhler, in via Schaffer 78 a Maia Alta a Merano, attuale sede distaccata della scuola professionale provinciale alberghiera in lingua italiana “Cesare Ritz”, possono sentirsi più sicuri. Infatti, sotto la supervisione del responsabile unico del procedimento Roberto Riedmüller dell’Ufficio edilizia ovest, è stato portato a termine un intervento di costruzione di 2 scale antincendio. I lavori, che rientrano nelle misure di prevenzione incendi, hanno comportato un investimento di oltre 200.000 euro.
Presso la Scuola professionale tedesca per il commercio, l’artigianato e l’industria “Ing.Zuegg”, in via Scuderie 24 a Merano, i futuri muratori e le future estetiste e sarte possono prepararsi per le professioni scelte in spazi moderni e confortevoli. Con un investimento di 13,3 milioni di euro il vecchio capannone industriale sull’areale “ex Gufler” è stato completamente trasformato e rinnovato ed è stato realizzato un ampliamento della scuola. Ora possono essere accolti circa 200 studenti. 4 le aule normali per l’insegnamento e 16 quelle speciali per i laboratori realizzate. Vi sono, inoltre 2 laboratori di informatica, una sala per incontri e relax al pianterreno, nonché una sala riunioni anche per attività extrascolastiche. “I nuovi arredi saranno forniti nel 2021 – fa presente il responsabile unico di procedimento Mauro Corradini dell’Ufficio edilizia ovest-. Per una questione di tempi, per ora sono stati riutilizzati in via provvisoria gli arredi esistenti”.
Il tratto finale a nord del complesso scolastico “Peter Anich” in via Fago 8 a Bolzano è sottoposto ad interventi di adeguamento antincendio e di risanamento energetico che comportano un investimento complessivo di circa 4,9 milioni di euro. La struttura ospita il Liceo scientifico e l’Istituto tecnico per le costruzioni, ambiente e territorio in lingua tedesca. “Per l’inizio del nuovo anno scolastico siamo riusciti a restituire i vani delle classi, 17 normali e 3 speciali, e della sala professori consentendo, così, l’attuazione ottimale di tutte le misure di prevenzione e le direttive sul distanziamento riferite al Covid-19”, sottolinea la responsabile unica di procedimento Alessia Biotti, dell’Ufficio edilizia est. La segreteria e i vani secondari saranno consegnati entro la fine 2020. Lo stesso vale per le sistemazioni esterne e il rifacimento delle facciate dell’edificio. I lavori comportano la ristrutturazione interna e la nuova suddivisione degli spazi al fine di venire incontro alle mutate esigenze della scuola, nonché l’adeguamento energetico ai nuovi standard CasaClima e la sopraelevazione di 2 vani secondo le direttive per l’edilizia scolastica. Essendo ancora in buona condizione, sono stati riutilizzati in parte gli arredi delle classi.

Foto/c-ASP/Edilizia pubblica.  

 

 

 

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *