Esteri Ultime Notizie

L’incertezza per le famiglie delle vittime è straziante

27 Agosto 2020

author:

L’incertezza per le famiglie delle vittime è straziante

In occasione della Giornata internazionale delle persone scomparse, 30 agosto, l’Associazione per i Popoli Minacciati (APM) commemora le migliaia di persone appartenenti a gruppi emarginati “scomparse” sotto i vari regimi totalitari di questo mondo. L’organizzazione per i diritti umani condanna questa pratica disumana, che serve a intimidire la popolazione e lascia traumatizzate le famiglie delle vittime.

Nella sola Turchia, fino a 17.000 membri dell’etnia curda, così come le persone che li sostengono, sono stati considerati “scomparsi” a partire dagli anni ’90 – persone politicamente attive e impegnate, giornalisti e avvocati, e semplici contadini. Queste persone sono state rapite dagli squadroni della morte dello Stato durante la guerra turco-curda dal 1984 al 1999 o non sono mai tornate alle loro famiglie dopo gli arresti o gli interrogatori della Jandarma, la polizia militare. Queste persone erano per lo più impegnate a preservare la loro lingua madre o hanno chiesto diritti politici per gli almeno 20 milioni di membri dell’etnia curda in Turchia.

Un sabato di maggio 1995, madri e altri parenti degli scomparsi si sono riuniti per la prima volta in piazza Galatasaray a Istanbul per ricordare i loro figli, padri e mariti scomparsi. Queste “madri del sabato” scendono in strada ogni settimana nella metropoli curda di Diyarbakir e chiedono di conoscere la verità. L’APM ha sostenuto una di queste veglie sabato 9 luglio 2011. Tuttavia la Turchia non limita questa pratica al proprio territorio. Dalla loro prima invasione della regione di Afrin e di altre aree a maggioranza curda nel nord della Siria, nel gennaio 2018, 7.000 membri della popolazione curda sono considerati scomparsi anche lì.

Nella Repubblica Popolare Cinese, le persone che criticano la leadership del Paese o che appartengono a gruppi etnici che Pechino opprime con particolare durezza continuano a scomparire regolarmente. La popolazione del Tibet è già esposta a questa perfida pratica da decenni. Anche le persone che non erano particolarmente attive politicamente sono state deportate in massa. Il Panchen Lama, una personalità importante del buddismo tibetano, è stato rapito da bambino e non si vede da 25 anni. In questi giorni, soprattutto i gruppi etnici musulmani della regione uigura dello Xinjiang sono vittime di rapimenti da parte dello Stato. Alcuni di loro ricompaiono a un certo punto in uno dei campi di internamento della regione, dove subiscono torture e lavaggio del cervello e sono spesso utilizzati per i lavori forzati. Molti altri rimangono permanentemente scomparsi e le loro famiglie vivono per anni nella straziante incertezza del loro destino.

Foto, villaggio abbandonato in Kurdistan.

One Comment
  1. bacino nero

    Mi piace il tuo stile di scrittura. Buon lavoro!. I am very happy with the article that you created, you gave me another new idea. a brilliant thought stated here. maybe I will visit this site later if there is a new update again.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *