Politica Ultime Notizie

La soluzione? Formazione e protezione delle greggi

10 Agosto 2020

author:

La soluzione? Formazione e protezione delle greggi

Per mantenere e sostenere la pastorizia sui nostri pascoli alpini sono necessarie soluzioni giuridicamente valide e rapidamente attuabili. Per questo dobbiamo agire rapidamente.

Anche quest’estate, le stragi di pecore hanno riacceso il dibattito e così anche le richieste di tenere lontani dai confini dell’Alto Adige i grandi carnivori. Orso, lince e lupo sono rigorosamente protetti dalle leggi dell’UE e questo fatto non cambierà nel prossimo futuro.

Da parte della politica osserviamo invece poca onestà. Secondo la legge, l’abbattimento dei grandi carnivori è possibile solo in pochi casi eccezionali, quando tutte le altre misure di protezione delle greggi siano già state provate e siano state inutili.

“Queste misure devono essere adottate rapidamente. La prima, che è anche quella più importante, è la formazione dei pastori. Un personale formato è in grado di affrontare le nuove sfide sugli alpeggi”, afferma il consigliere Hanspeter Staffler. Le scuole di agraria in Alto Adige sarebbero ideali come centri di formazione, essendo già disponibili le necessarie attrezzature e le competenze tecnico-didattiche.

Il passo successivo è quello di fornire una protezione professionale delle greggi come richiesto dall’UE: le greggi devono essere accompagnate e custodite dai pastori durante il giorno e, se necessario, raccolte e protette da un recinto durante la notte. Cani pastore possono sostenere il lavoro dei pastori.

Per finanziare questo impegno supplementare in Alto Adige sono necessari circa 100.000 Euro all’anno. Ma anche l‘UE fornisce finanziamenti a questo scopo. La Francia, ad esempio, ogni anno riceve da Bruxelles fondi considerevoli per coprire i costi del personale, delle recinzioni e dei cani pastore.

Noi Verdi sosteniamo in modo convito la pastorizia sul nostro territorio e vogliamo proporre agli allevatori di ovini un modo pragmatico per risolvere il problema. Con pastori ben formati e con la piena copertura finanziaria delle misure di protezione delle greggi, la pastorizia sulle nostre montagne sarà possibile anche in futuro.

Foto, Hanspeter Staffler.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *