Cultura & Società Ultime Notizie

Con BOLZANO FESTIVAL BOZEN una serata all’insegna della musica barocca

6 Agosto 2020

author:

Con BOLZANO FESTIVAL BOZEN una serata all’insegna della musica barocca

Un concerto che celebra l’arte del violino con Giuliano Carmignola, uno dei massimi interpreti della musica barocca in Italia, e la raffinatissima orchestra d’archi di Georg Egger.

Lascia sempre piacevolmente meravigliati la classe e la raffinatezza con cui l’Accademia d’archi di Bolzano affronta programmi colti, spesso impegnativi, portando solisti d’altissimo livello nelle nostre sale da concerto.

Anche quest’anno l’orchestra da camera dell’Alto Adige, un’eccellenza assoluta del territorio, non ci delude e propone un concerto con il grande violinista italiano Giuliano Carmignola, il 10 agosto alle 20.30, nella Sala Michelangeli del Conservatorio di Bolzano. Non è la prima volta che Carmignola è ospite di Georg Egger (primo violino e fondatore dell’ensemble), e la sua compatta orchestra da camera, ma di certo non dispiacerà al pubblico ritrovarlo su questo palcoscenico. Giuliano Carmignola è senz’altro uno dei più importanti violinisti della sua generazione, probabilmente tra i più noti interpreti della musica barocca e classica in Italia. La sua è una carriera soprattutto solistica anche se dal 1978 al 1985 è stato primo violino al Teatro La Fenice di Venezia. Come solista ha collaborato con grandi direttori come Claudio Abbado, Eliahu Inbal, Daniele Gatti e molti altri, ma la sua attività è più legata alla musica antica e alla collaborazione con gruppi come la Venice Baroque Orchestra, l’Orchestra Mozart, il Giardino Armonico e l’Orchestre des Champs-Élysées. Ha anche alle spalle una serie di importanti incisioni per Erato, Sony, Harmonia Mundi e Deutsche Grammophon.

Guidata da Giuliano Carmignola l’Accademia d’Archi si lancerà nell’esecuzione della Sinfonia n. 10 di Felix Mendelssohn Bartholdy, una delle tredici sinfonie per archi scritte dal compositore tra i 12 e i 14 anni. Il linguaggio è ancora classico, con lo sguardo rivolto alle sinfonie di Haydn e di Mozart. L’Accademia è particolarmente a suo agio in questo repertorio, che interpreta con precisione ed eleganza.

Il resto del programma è interamente riservato ad uno dei più grandi virtuosi del violino, Giovanni Battista Viotti, erede della tradizione violinistica italiana iniziata da Arcangelo Corelli agli albori del barocco. Viotti non fu solo un grandissimo solista ma anche un apprezzato compositore ed un impresario teatrale. Dopo aver ricevuto la sua formazione musicale a Torino scelse la strada dell’Europa conquistandosi un posto tra le più eminenti personalità musicali della Parigi del secondo Settecento, una scalata che lo portò nel 1784 al servizio di Maria Antonietta a Versailles.

Viotti fu un compositore estremamente prolifico soprattutto nell’ambito del repertorio violinistico e per quanto non sia una presenza frequente nei cartelloni dei nostri teatri tuttavia alcune delle sue opere sono ancora eseguite e ben note per lo meno ai violinisti.

Carmignola e Georg Egger si faranno interpreti della Sinfonia Concertante n.1 per due violini e orchestra a cui seguirà il Concerto n.22 in la minore per violino e orchestra, senz’altro il concerto solistico più eseguito di questo straordinario compositore.

I biglietti del concerto possono essere acquistati in anticipo alle casse del Teatro Comunale negli orari di apertura oppure online al sito www.ticket.bz.it e via mail all’indirizzo info@ticket.bz.it! I posti sono limitati, è vivamente consigliata la prenotazione.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *