Esteri Ultime Notizie

Prigionieri mapuche in Cile

16 Luglio 2020

author:

Prigionieri mapuche in Cile

Da più di tre mesi Celestino Córdova, un’autorità spirituale e politica (machi) dei Mapuche, fa lo sciopero della fame nel carcere di Temuco, nel sud del Cile. Questo è già il quinto sciopero della fame del machi dal suo arresto nel 2013, ed è stato condannato a 18 anni di carcere nel 2014 per l’omicidio della coppia Luchinger-Mackay. Gli osservatori internazionali, i gruppi per i diritti umani e le organizzazioni e comunità mapuche mettono ancora in dubbio le prove presentate e la legalità della sentenza.

Tra le altre cose, il machi chiede il suo trasferimento e quello di tutti i prigionieri politici mapuche e non mapuche agli arresti domiciliari nelle loro case e comunità. Perché la crisi di Covid 19 sta dilagando anche in Cile e i prigionieri sono particolarmente a rischio di infezione. Inoltre, Cordova chiede l’attuazione dei diritti umani e indigeni internazionali, come la Convenzione 169 dell’Organizzazione Internazionale del Lavoro (ILO), che anche il Cile ha ratificato. Gli articoli da 7 a 10 della convenzione regolano le circostanze di detenzione delle popolazioni indigene.

Lo stato di salute di machi è attualmente estremamente critico: pesa solo 65 chili circa, ha gravi problemi respiratori e cardiaci, soffre di nausea e ha dolori su tutto il corpo. Gli scioperi della fame fanno parte delle proteste decennali dei Mapuche. Tra le altre cose, chiedono la restituzione dei loro territori, l’autonomia e l’autodeterminazione. Circa il dieci per cento della popolazione cilena è mapuche. Soprattutto a partire dagli anni Novanta, i loro diritti sono stati violati massicciamente dallo Stato cileno e la loro protesta è stata criminalizzata.

Nella seconda metà di maggio, il Cile ha messo agli arresti domiciliari oltre 13.000 prigionieri a causa della crisi di Covid-19. I prigionieri politici, compresi i non mapuche, si vedono negare questa protezione dal governo. Questo dimostra in primo luogo il carattere razzista e in secondo luogo politico delle decisioni delle autorità cilene. Allo stesso tempo, le richieste per progetti di infrastrutture ecologicamente dannose come centrali elettriche e dighe nei territori Mapuche sono raddoppiate tra marzo e maggio rispetto all’anno precedente.

Altri detenuti che hanno partecipato allo sciopero della fame sono: Sergio Levinao Levinao, Víctor Llanquileo Pilquimán, Juan Calbucoy Montanares, Juan Queipul Millanao, Freddy Marileo Marileo, Danilo Nahuelpi Millanao e Reinaldo Penchulef Sepúlveda nel carcere di Angol e Antu Llanca nel carcere di Temuco.

L’Associazione per i popoli minacciati (APM) invita il presidente cileno Sebastián Piñera e il suo governo a soddisfare le legittime richieste dei prigionieri mapuche: Ci uniamo alle tante voci internazionali e, come Martín Almada, vincitore del Premio Nobel alternativo, chiediamo che la vita di questi prigionieri sia protetta.

Vedi anche in gfbv.itwww.gfbv.it/2c-stampa/2017/170904it | www.gfbv.it/2c-stampa/2013/130110it.html | www.gfbv.it/2c-stampa/2012/120229it.html | www.gfbv.it/2c-stampa/2011/111125it.html | www.gfbv.it/2c-stampa/2011/110729ait.html | www.gfbv.it/2c-stampa/2011/110513ait.html | www.gfbv.it/3dossier/ind-voelker/mapu-it.html | www.gfbv.it/3dossier/ind-voelker/mapu.html | www.gfbv.it/3dossier/ind-voelker/mapuche07-it.html | www.gfbv.it/3dossier/ind-voelker/mapuche-it.html | www.gfbv.it/3dossier/ind-voelker/lota2003-it.html | www.gfbv.it/3dossier/pinochet.html
in www: www.mapuexpress.net | www.observatorio.cl | www.mapuche.info

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *