Cronaca Ultime Notizie

Bolzano. ASSB Nuovo servizio di trasporto solidale per le persone anziane

30 Giugno 2020

author:

Bolzano. ASSB Nuovo servizio di trasporto solidale per le persone anziane

Rafforazata la collaborazione con le associazioni cittadine già impegnate in questa meritoria attività. 
ASSB. Venerdì 26 giugno scorso si è tenuta, presso la sede dell’Azienda dei Servizi Sociali in piazza A. Pichler 12, la conferenza stampa per presentare la convenzione tra l’Azienda e l’Associazione Temporanea di Scopo (ATS), costituita dalle associazioni Auser, Anteas e Ada, per la realizzazione di un servizio strutturato di trasporto e accompagnamento anziani nel comune di Bolzano, che partirà col 1° luglio.

Alla conferenza hanno preso parte l’Assessore alle politiche sociali del Comune di Bolzano, Juri Andriollo, il Direttore della Ripartizione Servizi alla Comunità Locale, Carlo Alberto Librera, i rappresentanti della associazioni: il presidente Orfeo Donatini ed Elio Fonti per Auser, il Presidente Morciano per Anteas ed il Presidente Fratucello per Ada. In rappresentanza di ASSB erano presenti la Direttrice Generale di ASSB, Liliana di Fede, la Direttrice di Ripartizione dei Servizi Territoriali, Licia Manzardo, la Direttrice del Distretto Gries San Quirino, Rebekka Erlacher ed il Referente per l’Area Anziani, Mauro Predelli. Nel presentare il nuovo Servizio di trasporto solidale, la Direttrice Di Fede, ha ricordato come l’iniziativa e lo spunto per rafforzare la collaborazione già esistente con le Associazioni Auser Anteas e Ada, per un migliore sostegno alla crescita del servizo, sia frutto della volontà del Comune di Bolzano.
L’Assessore Andriollo ha restituito la fotografia di una visione politica a sostegno della collettività in cui importanza centrale ha la collaborazione tra Pubblico e Terzo Settore. Ha sottolineato, inoltre, come il volontariato rappresenti un’eccellenza a sostegno della popolazione più fragile, una realtà che deve essere sempre più valorizzata e, nello specifico, ha voluto evidenziare come l’esperienza delle Associazioni che si occupano da anni di trasporto solidale sul suolo cittadino, ne rappresenti un esempio virtuoso.
Il Presidente di Auser, Donatini, ricordando che il tema anziani sia un tema sociale del futuro, ha messo in luce come la costituzione di una ATS per la gestione coordinata del servizio di trasporto, novità nel panorama nazionale, risponda al bisogno di fornire alla popolazione anziana un accompagnamento che vada al di là della richiesta di mobilità e che aiuti l’utenza a combattere quel senso di solitudine, con cui così spesso si ritrova a convivere. Il Presidente Morciano di Anteas ha voluto porre l’accento proprio sul ruolo delle Associazioni nel creare una relazione di empatia, di fiducia con gli anziani che si rivolgono al servizio, e di come il sorriso degli utenti sia il vero motore del loro lavoro . Infne, il Presidente di Ada, il Sig. Fratucello, ha concluso l’incontro chiedendo alle Autorità presenti l’impegno a ricordare il lavoro dei volontari, ora che quasi certamente, con il potenziamento del servizio, crescerà la domanda dell’utenza. Il servizio, che veniva già precedentemente offerto dalle tre associazioni, copriva mediamente in un anno quasi 90.000 km, effettuando circa 15.000 trasporti e raggiungendo oltre 600 utenti. Il patto di sussidiarietà per il trasporto solidale, risultato di una gara pubblica, aggiudicatasi dall’ATS, si propone come obiettivo di migliorare il servizio, con una disciplina integrata e coordinata, garantendo, con le nove autovetture a disposizione, un volume di almeno 15.000 trasporti ed ampliando la fascia oraria di copertura del servizio nei giorni dal lunedì al venerdì (escluso le festività) dalle ore 8.00 alle ore 12.00 e dalle 14.00 alle 17.30, con un presidio telefonico per le accettazioni delle richieste e smistamento delle stesse. Con tale accordo, il Comune di Bolzano ed ASSB vogliono inoltre riconoscere l’impegno a sostegno della collettività, con cui le associazioni di volontariato hanno operato nel corso di tutti questi anni, apportando liberamente, spontaneamente e gratuitamente le proprie risorse a favore del benessere della comunità.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *