Cronaca Ultime Notizie

Bolzano. La Casa invernale chiude: 7.000 pernottamenti

5 Maggio 2020

author:

Bolzano. La Casa invernale chiude: 7.000 pernottamenti

Dal 10 dicembre al 30 aprile, 96 volontari si sono offerti per gestire una casa che ha ospitato più di 50 persone senza fissa dimora a Bolzano e superando anche le sfide legate al Covid 19.

Dopo un incidente, i soccorritori non chiedono di chi è la colpa, ma chi ha bisogno d’aiuto. Questo è stato anche il caso della Casa invernale di via Carducci. I volontari che si sono impegnati insieme all’imprenditore Heiner Oberrauch non erano più disposti ad accettare l’inattività politica a spese di oltre 100 persone senza tetto. All’inizio di dicembre hanno organizzato in modo rapido e non burocratico l’alloggio per più di 50 uomini, donne e famiglie senza fissa dimora. Per 143 giorni, quasi 100 volontari hanno gestito con dedizione la Casa invernale, hanno chiesto ai politici di intervenire a favore dei senzatetto ancora in strada, soprattutto dopo lo scoppio della pandemia di Covid 19. Nonostante le profezie negative, in 5 mesi di Winterhaus non si sono mai verificati episodi di violenza o di furti. Il rispetto e la solidarietà hanno sempre caratterizzato i rapporti tra tutti gli ospiti. L’esperienza di questi mesi dimostra che sono necessarie strutture su piccola scala, è fondamentale l’interazione tra e con gli operatori: la volontà politica deve essere proiettata a  nuovi concetti come “Housing First”, sottolineano i gestori della Winterhaus dopo la conclusione del progetto.

Negli ultimi cinque mesi, oltre 50 persone provenienti da ogni parte del mondo, hanno vissuto insieme nella Casa invernale. Gli ospiti provenivano dall’Alto Adige, da altre regioni d’Italia, dalla Slovacchia, dalla Turchia, dall’Afghanistan, dal Pakistan, dal Mali, dal Gambia, dal Niger, dal Ghana e dal Marocco. Erano quasi tutti uomini, la maggior parte di loro sotto i 35 anni. Tutti sono fuggiti dalla loro patria, hanno un permesso di soggiorno o lo attendono, alcuni hanno un lavoro ma nessuno di loro ha un alloggio. Tra gli ospiti c’erano anche donne che vivevano per strada da anni, oltre a famiglie in fuga dalla guerra.

Nella Casa invernale gli ospiti vivevano in camere doppie, triple o quadruple, avevano un bagno in ogni stanza, potevano bere il te sera e mattina insieme a biscotti donati da varie aziende. Hanno trovato ascoto, conforto e comprensione tra i volontari. Nonostante i molti e diversi background, tutti gli ospiti si sono riuniti ed hanno formato una vera e propria comunità incarnata in una „casa aperta e solidale“. Inizialmente la chiusura della Casa invernale era prevista per il 10 marzo, arrivata la pandemia di Covid 19, Heiner Oberrauch ha deciso di mettere a disposizione la sua casa per altri due mesi, i volontari hanno continuato a svolgere i servizi notturni.

Per contenere la pandemia Covid-19, dal 21  marzo la Casa invernale è diventata un alloggio per tutto il giorno. Nonostante il virus, e grazie al grande impegno di Paul Tschigg, Federica Franchi, Caroline von Hohenbühel e molti altri volontari – tra cui il VinziBus – è stato possibile fornire il pasto agli ospiti e rispettare le norme igieniche anche durante la pandemia. Le persone politicamente responsabili si sono ripetutamente sottratte alle loro responsabilità. Aziende di catering hanno fornito cibo, una lavanderia si è occupata gratuitamente del lavaggio delle lenzuola, i volontari hanno portato thè e biscotti e un vivaio ha donato fiori per il giardino. E’ stato fatto tutto con molta con gioia, ma è stato un tour de force.

Ritrovarsi un giorno senza un tetto sopra la testa può riguardare tutti noi, uomini e donne, giovani e anziani. L’enorme pressione della società, la mancanza di qualifiche professionali, le difficoltà economiche, la perdita del lavoro con i conseguenti debiti, le possibili malattie, le problematiche relazionali e familiari che spesso sfociano in divorzi, le debolezze e conseguenti dipendenze da droghe o alcool, tutto ciò è l‘ innesco del declino (personale e di conseguenza sociale). Il fattore decisivo è come una persona ha imparato ad affrontare i problemi.

Paul Tschigg è attivo con VinziBus da oltre dieci anni. La mancanza di una casa distrugge il corpo e la psiche, dice. Osserva spesso come passanti fanno un giro intorno ai senzatetto, sente da chi ne è colpito quanto sia difficile non avere sostegno nella società, essere esposti al rifiuto pubblico e, in tempi di Corona, essere denunciati: “Abbiamo vissuto scene strazianti”, dice Paul Tschigg a proposito dei senzatetto che hanno implorato in ginocchio di poter fare una doccia calda nella Casa invernale. Durante la pandemia, tutti i servizi igienici pubblici di Bolzano sono stati chiusi e coloro che sono rimasti per strada non hanno avuto accesso ai servizi igienici. Contemporaneamente è stata evacuata una tendopoli e altre 20 persone sono rimaste senza casa. “Sappiamo così poco dei senzatetto perché sono un gruppo marginale”, dice Paul Tschigg. Il fenomeno della povertà è represso.

Caroline von Hohenbühel da anni accompagna la “Il rifugio” per aiutare i senzatetto di Bolzano, soprattutto migranti. Decine di persone hanno già dormito nell’entrata della chiesa protestante o sono state ammesse in canonica. “Con questa situazione tesa del mercato immobiliare, chi cerca casa ha grandi difficoltà a trovare un posto dove vivere”, dice. I proprietari preferirebbero inquilini affidabili e hanno grandi pregiudizi nei confronti degli estranei. La vita di strada cambia il modo di pensare e di sentire della gente, sia dei locali che dei richiedenti asilo, dice Caroline von Hohenbühel. Per poter aiutare qualcuno, bisogna prima capirlo.

Anche Federica Franchi, presidente dell’associazione “Bozen solidale“, da anni segue le persone senza fissa dimora di Bolzano e conosce personalmente la maggior parte degli ospiti del Winterhaus. Con gli altri soci dell’associazione Bozen Solidale continuanueranno a  seguire gli ospiti del ex Winterhaus per trovare insieme a loro soluzioni lavorative ed abitative, ma soprattutto per mantenere e coltivare preziose relazioni umane con altri fratelli.

L’aspettativa di vita delle persone che vivono in strada è inferiore all’aspettativa di vita media. L’abitazione è un criterio decisivo per l’esistenza umana. Questa convinzione e diversi appelli mediatici da parte di organizzazioni umanitarie e di privati a favore dei senzatetto hanno portato sulla scena l’imprenditore Heiner Oberrauch alla fine di novembre dell’anno scorso. Decise di mettere a disposizione gratuitamente la sua casa di riposo in Carduccistraße a Bolzano – un’ex casa di riposo – e invitò Paul Tschigg, Caroline von Hohenbühel e Federica Franchi ad aiutarlo. Due incontri di un’ora sono stati sufficienti per elaborare un concetto. Alle parole sono seguite le azioni, Barbara Bertagnolli si è unita come volontaria e si è dimostrata particolarmente disponibile con l’organizzazione.

Con il motto “Nessuno deve morire di freddo”, sono stati cercati altri volontari per la Casa invernale. La risposta è stata travolgente: 100 persone di Bolzano e non solo, si sono spontaneamente offerte volontarie per aiutare nei preparativi e hanno accettato di svolgere servizi notturni. In sei giorni la Casa invernale era pronta per l’occupazione ed il 10 dicembre ha apereto le porte a 50 senzatetto. I volontari hanno collaborato attivazmente da subito e resistito anche durante la pandemia. Allo stesso tempo, il nucleo centrale ha avuto colloqui con i leader politici per trovare soluzioni a lungo termine per i residenti della Casa invernale e per le persone rimaste ancora in strada. Dopo un lungo andirivieni, la Fiera di Bolzano è stata aperta ed è stato concordato con le istituzioni il  trasferimento dei nostri ospiti presso la fiera. Questo non è destinato ad essere sostenibile.

A lungo termine è evidente che sono necessarie strutture su piccola scala per i vari gruppi di senzatetto e di persone senza fissa dimora e un’assistenza orientata ai diversi target.

Le donne hanno bisogno di un sostegno diverso rispetto agli uomini, le persone con problemi d’alcool e persone che vivono in strada da molti anni hanno bisogno di un sostegno diverso rispetto a coloro che sono diventati senzatetto di recente. Molti immigrati sono alla ricerca di alloggi a prezzi accessibili e soprattutto di lavoro.

A lungo andare, un progetto come la Casa invernale non può essere gestito solo su base volontaria (nonostante abbia dimostrato tutto il proprio valore e raggiunto grandissimi risultati!!) sottolineano Heiner Oberrauch, Federica Franchi, Caroline von Hohenbühel e Paul Tschigg. Tuttavia, l’esperienza di questi cinque mesi dimostra che le persone finora emarginate ed escluse dal sistema possono riprendersi la propria dignità se accolte in un ambiente sicuro, pulito e soprattutto rispettoso, e contraccambiare con il loro apporto alla vita sociale. „Si potranno sicuramente trovare volontari anche per progetti futuri, questo richiederà una corretta assegnazione dei compiti e divisione del lavoro ed un buon coordinamento tra professionisti e volontari, ed avrebbe bisogno del sostegno delle istituzioni“ politici, sottolineano.

###

“Housing First”: un concetto moderno nel lavoro dei senzatetto

Nel periodo successivo alla pandemia, in Alto Adige si sarebbero dovuti sviluppare nuovi concetti abitativi. I gestori della Winterhaus sono convinti che le persone senza fisa dimora ed i più emarginati abbiano bisogno prima di tutto di uno spazio vitale autonomo per poter attivare le proprie energie e riprendere in mano la propria vita. I paesi del Nord possono servire da modello per questo. Lì è stato possibile da tempo ridurre il numero di senzatetto e di persone senza fissa dimora, attuando la strategia “Housing First”, che ha avuto origine negli Stati Uniti. Le persone che perdono la loro casa ricevono immediatamente un alloggio permanente. L'”Housing First” è offerto ai senzatetto con gravi malattie psichiatriche, con problemi di salute mentale, con problemi di consumo di droghe e alcolici, con scarsa salute fisica e malattie croniche. “Housing First” vede l’alloggio come punto di partenza e non come destinazione finale. Gli attuali concetti di senzatetto mirano a rendere le persone con elevate esigenze di sostegno in grado di vivere per prime, prima di fornire loro un alloggio permanente.

Foto, Heiner Oberrauch.  

 

 

 

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *