Cronaca Ultime Notizie

Due arresti e tre denunce a Bolzano

27 Aprile 2020

author:

Due arresti e tre denunce a Bolzano

Negli ultimi giorni sono proseguiti a Bolzano i controlli della Questura per verificare il rispetto delle norme emanate dal Governo per il contenimento dell’emergenza epidemiologica da COVID-19.
In questo ambito, non sono mancati gli interventi per alcune situazioni legate allo spaccio di sostanze stupefacenti.
In particolare, due giovani meranesi, un ventiduenne ed un diciannovenne, entrambi con precedenti specifici, venivano individuati in piazza Gries, alla fermata dell’autobus in partenza per il Burgraviato, in quanto erano sprovvisti dei dispositivi di protezione individuale.
Il loro palese nervosismo risultava però da subito esagerato, suggerendo così agli Agenti di approfondire il controllo personale.
Tale approfondimento consentiva di rinvenire e sequestrare al più giovane un involucro contenente circa 50 grammi di cocaina, ed all’altro 5 dosi di cocaina e quasi 1600 euro in contanti. Di conseguenza, il diciannovenne veniva tratto in arresto per detenzione ai fini di spaccio, mentre il ventiduenne veniva denunciato.
Nella giornata di domenica, due sono stati gli spacciatori denunciati a piede libero, in via Laurin ed in via Trento.
Il primo, un cittadino libico di 32 anni, pluripregiudicato, veniva colto dal personale della Polizia di Stato e dell’Esercito impiegato nei controlli, nell’atto di cedere 4 dosi di marijuana a un altro soggetto extracomunitario.
Il secondo, un cittadino nigeriano di 27 anni con precedenti di polizia e in regola sul territorio nazionale, veniva sorpreso con due dosi di eroina e una di marijuana, occultati nel calzino: il tutto era sottoposto a sequestro, come anche la somma di  340 euro, considerata provento di spaccio.
Inoltre, nel pomeriggio del 27 aprile, gli Agenti della Squadra Volante intervenivano per un soggetto che molestava i passanti all’interno del Parco delle Religioni.
Dopo averlo bloccato, le verifiche in Banca Dati facevano emergere la sua identità (palestinese di 48 anni, pregiudicato per rapina e lesioni personali) e soprattutto un ordine di carcerazione a suo carico,  ad un anno e 4 mesi di reclusione, emesso dalla Procura della Repubblica di Bolzano per false generalità, immigrazione clandestina e porto abusivo di oggetto atto ad offendere.

 

 

 

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *