Cronaca Ultime Notizie

Alto Adige. Arrestati in flagranza per rapina nella notte

23 Aprile 2020

author:

Alto Adige. Arrestati in flagranza per rapina nella notte

I militari del Nucleo operativo e radiomobile della Compagnia Carabinieri di Egna questa notte hanno arrestato due persone per rapina.
Alle tre meno un quarto di stanotte, due militari di un’autopattuglia radiomobile della compagnia di Egna, transitando lungo via Galizia del comune di Laives hanno notato due persone giungere a piedi provenienti da un albergo lì vicino. I due trasportavano un erogatore a moneta di giochi per bambini.
I due militari, pensando ovviamente a un furto flagrante, hanno cercato dapprima di bloccare dette persone tagliando loro la strada con la vettura di servizio. I due ladri, visti i carabinieri, hanno mollato la refurtiva e se la sono data a gambe levate. I due militari quindi sono scesi dal mezzo e dopo un breve inseguimento sono riusciti a bloccare i fuggitivi all’altezza del cancello d’entrata del vicino centro don Bosco. Questi due “galantuomini” vistisi raggiunti hanno pensato di potersela giocare “alla pari” in un due contro due, sbagliando però completamente valutazione. Hanno quindi aggredito fisicamente i due operatori per sottrarsi al fermo e ri-guadagnare la fuga.
I due tutori dell’ordine però – non senza fatica – sono riusciti a bloccarli entrambi e pure ad ammanettarli. I due fermati, non paghi, ancora e ancora hanno tentato di sottrarsi scalciando e dimenandosi. I due carabinieri hanno però avuto la meglio e li hanno rinchiusi in auto.
A questo punto i due criminali, frustrati dalla mancata fuga, hanno sfogato la loro rabbia con pesanti ingiurie contro i carabinieri.
I carabinieri sono quindi ritornati alla macchinetta abbandonata e hanno scoperto che era stata rubata presso un non lontano bar-pizzeria sito lungo via Kennedy, esercizio pubblico attualmente chiuso per le disposizioni vigenti in materia di contenimento della COVID. L’apparecchio, che non risultava scassinato, è stato restituito al titolare del bar.
I due sono stati quindi tratti in arresto per il reato di rapina “impropria” (poiché la violenza è stata perpetrata per garantirsi la fuga) in concorso.
Per accompagnarli alla compagnia di Egna è dovuta intervenire un’altra pattuglia in supporto poiché i due erano particolarmente scalmanati. I due carabinieri sono dovuti anche ricorrere alle cure dei sanitari del pronto soccorso del San Maurizio di Bolzano per le contusioni subite.
Gli arrestati, l’albanese ventunenne P.A., residente a Laives già noto alle forze dell’ordine per reati contro il patrimonio, e il bolzanino P.D., sedicente studente domiciliato a Bronzolo, una volta formalizzato l’arresto e informato il pubblico ministero presso la Procura della Repubblica di Bolzano, sono stati sottoposti agli arresti domiciliari in attesa di udienza di convalida.
Ovviamente sono stati anche sanzionati a norma delle disposizioni anti-COVID poiché fuori casa senza giustificato motivo, non essendo il rubare un lavoro riconosciuto nel nostro Paese.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *