Cultura & Società Ultime Notizie

Thomas Saglia presenta per la prima volta a Rovereto “LE CREATURE DI ANDREA”

16 Febbraio 2020

author:

Thomas Saglia presenta per la prima volta a Rovereto “LE CREATURE DI ANDREA”

Proseguono gli appuntamenti di Cinemart, il ciclo di proiezioni curato dal Nuovo Cineforum Rovereto in collaborazione con il Centro Servizi Culturali S. Chiara. Martedì 18 febbraio (ore 21) all’Auditorium Melotti di Rovereto è in programma “LE CREATURE DI ANDREA”, ultimo lavoro del giovane regista Thomas Saglia, incentrato sulla vita di un personaggio molto conosciuto nella città della Quercia, sia per i suoi lavori pittorici sia per la simpatia. In questo lavoro c’è tutto Andrea Fusaro, alle prese con il suo quotidiano, la sua vita di artista, i soggetti e le “creature” che ritrae nei suoi affreschi o nei suoi quadri. La pellicola, che verrà proiettata per la prima volta a Rovereto, sarà arricchita dalla presenza dello stesso regista, Thomas Saglia, che presenterà al pubblico il suo lavoro.
Andrea vive la sua vita fatta di una routine molto serrata, di solitudine e di arte. Nel tentativo di lasciare un segno, sarà possibile vedere Andrea indaffarato nel realizzare quadri da donare a tutta la città. La pellicola entrerà quindi nel suo mondo, fatto di regole e tempi diversi, dove arte e immaginazione si mescolano fino a confondersi. Andrea ha sempre vissuto nel mito di Michelangelo, suo idolo e fonte di ispirazione, e all’ombra della religione. Per questo motivo sente che, per essere completo, anche lui deve avere la sua cappella sistina da affrescare. Osvaldo (Paolo Uccello) ha forse trovato una possibilità per far sì che questo sogno si realizzi, ma la strada per i due sarà dura. Andrea dovrà fare i conti con le proprie difficoltà relazionali, dovute sia al passato difficile, ma soprattutto al proprio modo di vedere il mondo, che sembra quasi magico e naif così come lo è la sua pittura; Osvaldo dovrà invece fare i conti con il mondo di Andrea e, accettare di farne parte anche lui come sua creatura, come parte della sua arte.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *