Cultura & Società Ultime Notizie

Merano. “OPEN – Cultura in Vetrina”, dare vita e colore a spazi commerciali liberi con iniziative culturali

9 Febbraio 2020

author:

Merano. “OPEN – Cultura in Vetrina”, dare vita e colore a spazi commerciali liberi con iniziative culturali

Quali sensazioni proviamo quando passiamo da uno spazio all’altro, da un ambiente esterno a uno interno, quando dalla piazza o dalla strada entriamo in un negozio? Quali cambiamenti si producono, cosa comporta attraversare quella soglia? Forse è lo stesso passaggio tra il nostro dentro e il fuori, tra il pensiero e la parola?
All’insegna di questi interrogativi l’Assessorato alla cultura del Comune di Merano, l’agenzia educativa Ascolto Giovani e Maku – Galleria Nomade Kunst Galerie hanno realizzato “OPEN – Cultura in Vetrina”, un’iniziativa che vuole essere un’occasione per dare vita e colore ad alcuni spazi commerciali liberi di Merano e utilizzarli temporaneamente.
Musica, fotografia, video, letteratura, performace teatrali, architettura, design, grafica e persino il tessuto, sono molti i linguaggi artistici usati per realizzare questa manifestazione che si estende su vari quartieri della città del Passirio per tutto il mese di febbraio. I punti di riferimento principali sono due negozi e una ex-discoteca del centro.
L‘installazione collettiva “Melograno” in via Mainardo 27 e la mostra di opere dei soci dell’Istituto per la grafica d’arte di Merano con un laboratorio di grafica aperto al pubblico in corso Libertà 32, durante i sette giorni di attività, hanno suscitato molto interesse tra i cittadini.
Fino alla fine del mese in via Giacomo Matteotti 21 resterà allestita un’installazione collettiva chiamata: Le Ricamatrici. Le ricamatrici di “Agora et Filium” in collaborazione con il Comitato del quartiere di Maia Bassa hanno avviato il progetto „Scaldacuore“, tra l’altro già attuato in altre città d’Italia, per raccogliere fondi da devolvere in beneficenza. Un’iniziativa originale per realizzare ai ferri o ad uncinetto quadrati di stoffa con i quali coprire un edificio della Via.
Altra iniziativa che merita di essere approfondita è l’installazione collettiva in via mainardo 27, realizzata dal Laboratorio di Architettura & IDEA. Nello specifico gli architetti Gianfranco Zorzi, Leonardo Roperti, Guido Manfredi e Bernhard Neulichedl hanno creato un’installazione di architettura/urbanistica interattiva incentrata sulla città del futuro. Il Leitmotiv del progetto consiste nell’interazione e costruzione.
Per permettere agli interessati di interagire pienamente con i fautori dell’installazione, fino al 12 febbraio, dalle 10 alle 12:30 e dalle 14:30 alle 18:00, i cittadini potranno compilare un questionario relativo alla città del futuro e segnalare i propri desideri per una città più sostenibile.
Il 14 febbraio partirà in collaborazione con Maku Galleria Nomade Kunst Galerie presso tutti gli spazi di “Open” la mostra collettiva “Spazio tra due confini” di Barbara Gamper, Thomas Sterna, Karin Ferrari, Fabio Bartolozzi, Sara Basta Martina Stufflesser e Trama 21.    
Sempre presso lo spazio al civico 27 di via Mainardo, dal 24 al 27 febbraio, nonché dal 28 al 29, presso il civico 32 di corso Libertà (galleria Kurhauspassage), avranno luogo delle manifestazioni incentrate sulla sperimentazione. L’iniziativa denominata RE-DESIGN prevede l’utilizzo dei luoghi stessi come spazi aperti per la riflessione e la sperimentazione, partendo dalla storia dei locali, nonché dai materiali stessi.
Febbraio è anche il mese di Carnevale, così chi vorrà il 20 febbraio dalle 14:00 alle 19:00 potrà farsi fotografre all’interno dello spazio della Kurhauspassage presso lo studio allestito da Foto Club Immagine, nonchè il 25 febbraio in quello di via Mainardo 27 dalle 14:00 alle 19:00, allestito da Foto 2000.
Ancora in via Mainardo 27, dal 26 al 29 febbraio, quattro artisti, due persone con disabilità e due senza, creeranno arte secondo una prospettiva innovativa.
Nell’ex discoteca Marinara/Dolce Vita in via Mainardo 9A diversi musicisti e band propranno un carambolage di generi musicali. Dopo i concerti di The bad Bastards & Chaos Junkies, nonché Peter Burchia nei giorni scorsi, il 15 febbraio alle 21 si esiberà il gruppo Krempelz, domenica 16 febbraio, sempre alle 21 Jam Session, giovedì 20 alle 21 suoneranno Wicked & Bonny, sabato 22 sempre alle ore 21 avrà luogo una serata Jungle, il 23 dalle 11 alle 13 si esibirà Irma, lo stesso giorno alle 21 il Damian Jazz trio, il 24 alle 21 Pink Frida, martedì 25 alle 21 sarà il turno di Dubiosesymbiose e il 29, sempre alle ore 21 di Omicron Santa Fè.
Sempre presso l’ex discoteca ogni venerdì dalle ore 18:00 avrà luogo il Teatro Cabaret.
Da segnalare inoltre diverse iniziative presso la Kurhauspassage (Corso Libertà 32). Tra questi la vetrina del F.A.I, il Fondo Ambiente Italiano, presso, la proiezione di un documentario di Roberto Condotta il 12 febbraio alle 0re 18:00, Bezahlbarer Atelierraum in Südtirol mit Thomas Sterna – 15 febbraio alle ore 18:00, Pueri Cantores Reloaded, sempre il 15 febbraio alle 15:30, Le aree militari dismesse a Merano e dintorni, il 18 febbraio ancora alle 18:00, Città e bellezza – dialogo con l’architetta Monica Carmen il 19 febbraio alle 15:30, Gypsymoon il 21 febbario alle 16:00 e Dante Salotto letterario il 25 febbario alle ore 18:00.

Foto, Città del futuro-Laboratorio di Architettura & IDEA/c-Ivan Perretta.  

 

 

 

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *